HOME

/

CONTABILITÀ

/

REGIMI CONTABILI

/

REGIME FORFETTARIO: INCOMPATIBILE CON QUELLO DEGLI IMPATRIATI

Regime Forfettario: incompatibile con quello degli impatriati

Con interpello le Entrate spiegano l'incompatibilità del regime per gli impatriati con quello forfettario

Con la Risposta a interpello n 460 del 20 settembre 2022 le Entrate chiariscono dettagli sulla fruizione del "regime speciale per lavoratori impatriati" e le compatibilità con il "regime forfetario" nel primo periodo d'imposta successivo al rientro in Italia.

L'Istante cittadino italiano, rimpatriato nel mese di aprile 2022, dopo quattro anni di residenza nel Regno Unito, con iscrizione all'AIRE svolgerà "attività autonoma" con partita IVA. Egli possiede i requisiti soggettivi e oggettivi per accedere al regime speciale per lavoratori impatriati. 

Tuttavia, stimando che nel primo anno i possibili compensi derivanti dall'attività autonoma in questione saranno inferiori ad euro 65.000, potrebbe temporaneamente optare per l'applicazione del regime forfettario. Egli chiede se potrà utilizzare alternativamente, in anni di imposta differenti, i due regimi agevolati in questione, sempre nel rispetto delle relative norme, e se non perderà i requisiti per le agevolazioni degli impatriati nei primi 5 periodi di imposta dal rimpatrio, qualora nel primo anno optasse per il regime forfettario. 

Le entrate innanzitutto ricordano che l'articolo 16 del decreto legislativo 14 settembre 2015, n. 147 ha introdotto il "regime speciale per lavoratori impatriati", destinato al lavoratore che: 

a) trasferisce la residenza nel territorio dello Stato

b) non è stato residente in Italia nei due periodi d'imposta antecedenti al trasferimento e si impegna a risiedere in Italia per almeno 2 anni; 

c) svolga l'attività lavorativa prevalentemente nel territorio italiano. 

Al ricorrere di queste condizioni:

  • i redditi di lavoro dipendente, 
  • i redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente 
  • e i redditi di lavoro autonomo 

prodotti in Italia concorrono alla formazione del reddito complessivo limitatamente al 30 per cento del loro ammontare. 

Viene inoltre specificato che l'agevolazione in esame è fruibile dai contribuenti per un quinquennio a decorrere dal periodo di imposta in cui trasferiscono la residenza fiscale in Italia, e per i quattro periodi di imposta successivi.

Con la circolare n. 33/E del 28 dicembre 2020, le Entrate hanno fornito chiarimenti sul regime degli impatriati.

In relazione alla fattispecie in esame, l'agenzia evidenzia che, in linea con la finalità della norma il "regime speciale per lavoratori impatriati" risulta applicabile ai soli redditi di lavoro dipendente, assimilati a quelli di lavoro dipendente e di lavoro autonomo che, prodotti nel territorio dello Stato, concorrono alla formazione del reddito complessivo del contribuente secondo le ordinarie disposizioni del TUIR. 

L'adesione al "regime forfetario" di cui all'articolo 1, commi da 54 a 89, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 che rappresenta il regime "naturale" delle persone fisiche che esercitano un'attività di impresa, arte o professione in forma individuale, comporta, invece, la determinazione del reddito imponibile secondo criteri "forfetari", applicando all'ammontare dei ricavi o dei compensi percepiti il coefficiente di redditività in misura diversificata a seconda del codice ATECO che contraddistingue l'attività esercitata, sul quale viene poi operata un'imposta sostitutiva dell'imposta sui redditi, delle addizionali regionali e comunali e dell'imposta regionale sulle attività produttive pari al 15 per cento. 

Ciò implica, pertanto, che, per espressa previsione normativa tale reddito non concorre alla formazione del reddito complessivo. 

Con la citata circolare n. 33/E del 2020 è stato chiarito (cfr. paragrafo 7.11) inoltre che "il contribuente che rientra in Italia per svolgere un'attività di lavoro autonomo beneficiando del regime forfetario non potrà avvalersi del regime previsto per i lavoratori impatriati, in quanto i redditi prodotti in regime forfetario non partecipano alla formazione del reddito complessivo. Resta ferma la possibilità per il contribuente di rientrare in Italia per svolgere un'attività di lavoro autonomo, beneficiando, in presenza dei requisiti, del regime fiscale previsto per gli impatriati, laddove venga valutata una maggiore convenienza nell'applicazione di detto regime rispetto a quello naturale forfetario". 

Si evidenzia quindi che l'opzione per il regime forfetario, pur sussistendo i requisiti per l'applicazione del regime degli impatriati al momento del rientro in Italia, comporta l'impossibilità di esprimere a posteriori l'opzione per il diverso regime degli impatriati. 

Nel caso di specie, ne consegue che l'Istante, avendo trasferito la residenza fiscale in Italia nel mese di aprile 2022, dovesse optare in relazione all'annualità in corso per il "regime forfetario", negli anni successivi e sino al compimento del quinquennio potenzialmente agevolabile, ossia dal 2023 al 202, non potrà fruire del diverso regime di cui all'articolo 16 del d.lgs. 14 settembre 2015, n. 147.

Tag: REGIMI CONTABILI REGIMI CONTABILI REDDITI ESTERI 2022 REDDITI ESTERI 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

REGIMI CONTABILI · 21/09/2022 Regime Forfettario: incompatibile con quello degli impatriati

Con interpello le Entrate spiegano l'incompatibilità del regime per gli impatriati con quello forfettario

Regime Forfettario: incompatibile con quello degli impatriati

Con interpello le Entrate spiegano l'incompatibilità del regime per gli impatriati con quello forfettario

Forfettari: il bollo riaddebitato ai clienti fa reddito

Imposta di bollo: chiarimenti sul riaddebito al cliente e inclusone nel calcolo dei ricavi dei soggetti in regime forfettario. Il bollo fa reddito

Fatturazione elettronica forfettari: riepilogo adempimenti previsti dal 1 luglio

Fatture elettroniche forfettari: numerazione e conservazione fatture, imposta di bollo e termini di pagamento. Orientarsi sugli obblighi in vigore dal 1 luglio 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.