HOME

/

DIRITTO

/

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022

/

NOTA VARIAZIONE: IL CASO DELLA MANCATA INSINUAZIONE AL PASSIVO

Nota variazione: il caso della mancata insinuazione al passivo

Omessa insinuazione al passivo: i chiarimenti delle Entrate sui presupposti per l'emissione di una nota variazione

Con Risposta a interpello n 181 del 7 aprile 2022 le Entrate forniscono chiarimenti su Note di variazione IVA - Omessa insinuazione al passivo fallimentare -(Articolo 26 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633).

In particolare, essa specifica che per le procedure concorsuali aperte in data antecedente il 26 maggio 2021, il presupposto che consente di emettere la nota di variazione in diminuzione per «mancato pagamento in tutto o in parte a causa di procedure concorsuali [...] rimaste infruttuose» si realizza allorquando si verificano congiuntamente le seguenti condizioni:

  • il creditore si è utilmente attivato al fine di recuperare il proprio credito, prendendo parte alla procedura concorsuale; 
  • la pretesa creditoria rimane insoddisfatta:
    • «per insussistenza di somme disponibili, una volta ultimata la ripartizione dell'attivo», 
    • ovvero quando «si ha una ragionevole certezza dell'incapienza del patrimonio del debitore». 

L'agenzia specifica anche che, tenendo conto della sentenza della Corte di Giustizia Europea (causa C-146/19) dell'11 giugno 2020, il presupposto può dirsi realizzato laddove il creditore dimostri che la sua "inerzia" consegue alla preventiva valutazione di "antieconomicità" della partecipazione al concorso, dovuta alla prevedibile incapienza del patrimonio del debitore. 

La pronuncia del Giudice unionale, infatti, al fine di consentire l'esercizio del diritto alla variazione in diminuzione, nell'ipotesi di inosservanza dell'obbligo di insinuare il credito nella procedura fallimentare, chiarisce che «l'articolo 90, paragrafo 1, e l'articolo 273 della direttiva IVA devono essere interpretati nel senso che essi ostano ad una normativa di uno Stato membro, in virtù della quale ad un soggetto passivo viene rifiutato il diritto alla riduzione dell'IVA assolta e relativa ad un credito non recuperabile qualora egli abbia omesso di insinuare tale credito nella procedura fallimentare instaurata nei confronti del suo debitore, quand'anche detto soggetto dimostri che, se avesse insinuato il credito in questione, questo non sarebbe stato riscosso»

Perciò, le Entrate affermano che volendo recepire le indicazioni impartite dal Giudice unionale, per le procedure concorsuali aperte in data antecedente il 26 maggio 2021, il diritto alla variazione in diminuzione sorge anche nell'ipotesi di omessa insinuazione al passivo della pretesa creditoria, solo laddove il contribuente possa dimostrare l'infruttuosità della procedura fallimentare per mancanza di attivo da liquidare. 

Resta inteso che il diritto alla variazione è esercitabile solo alla chiusura della procedura, e ciò anche se, nelle more, sia intervenuta la prescrizione del credito.

Diverso è il caso, spiega l'agenzia, chiarito con la risposta ad interpello n. 102 nella ipotesi di prescrizione del credito antecedente l'apertura della procedura fallimentare, evento che ne preclude l'ammissione stessa al passivo. 

Allegato

Risposta a interpello n 181 del 7 aprile 2022

Tag: CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CODICE DELLA CRISI D'IMPRESA E DELL'INSOLVENZA 2022 · 22/06/2022 Albo gestori crisi d'impresa: requisiti e modalità di iscrizione

Viene pubblicato in GU n 143 del 21 giugno 2022 il Decreto n 75/2022 con le regole per l'albo dei gestori della crisi d'impresa: iscrizione, requisiti e costi

Albo gestori crisi d'impresa: requisiti e modalità di iscrizione

Viene pubblicato in GU n 143 del 21 giugno 2022 il Decreto n 75/2022 con le regole per l'albo dei gestori della crisi d'impresa: iscrizione, requisiti e costi

Composizione negoziata: previsti diritti di segreteria per le Camere di Commercio

Il MISE con decreto istituisce i diritti di segreteria per la Camere di Commercio da versare per la procedura di composizione negoziata della crisi d'impresa

Crisi d'impresa: i contenuti del piano di risanamento

Il piano di risanamento secondo le nuove linee guida del CNDCEC: l'approccio "forward looking" gli EGS e l'informativa utile all'organo di controllo

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.