HOME

/

PMI

/

LA TASSAZIONE DELLE PMI

/

PARTITE IVA: ABOLIZIONE DELL’IRAP DAL 2022 IN LEGGE DI BILANCIO

Partite IVA: abolizione dell’Irap dal 2022 in Legge di Bilancio

Definitiva l’abolizione dell’Irap per ditte individuali, lavoratori autonomi e professionisti a partire dal 2022

Nella legge di bilancio 2022 è diventata definitiva l'abolizione dell’Irap per i lavoratori autonomi, le ditte individuali, e i professionisti a partire dal 2022.

Ricordando che coloro i quali aderivano al regime forfetario ne erano già esclusi, la modifica normativa allarga l’esclusione a tutti coloro che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo personalmente e individualmente; restano perciò soggetti a Irap:

  • gli studi professionali associati;
  • le società di persone;
  • le società di capitali;
  • gli enti commerciali in generale;
  • gli enti del terzo settore.

In definitiva, per le cosiddette partite IVA (professionisti, autonomi, ditte individuali) non aderenti al regime forfetario, l’ultimo versamento Irap sarà il saldo (eventuale) dell’imposta 2021, da versare a giugno 2022, dato che l’esonero dall’imposta decorre dall’anno fiscale 2022 e tali soggetti non possono avere un anno fiscale non coincidente con quello solare. Ovviamente non saranno dovuti gli acconti 2022, di solito previsti in giugno e in novembre.

L’abolizione dell’Irap per questa tipologia di soggetti, in attesa di eventuali decisioni di più ampia portata in sede di riforma fiscale (tra le ipotesi sul tavolo c’è la generale abolizione dell’Irap), costituisce un intervento ben congegnato, in quanto, pur richiedendo una quantità limitata di risorse, porta un doppio beneficio:

  • la riduzione della pressione fiscale per contribuenti soggetti aaliquota progressiva, e obbligati al versamento dei contributi previdenziali;
  • la riduzione del contenzioso in tema di Irap.

Il presupposto dell’Irap è l’esistenza, in capo al contribuente, di una autonoma organizzazione; mentre per le società tale requisito si assume implicitamente esistente, per coloro che esercitano attività di impresa o di lavoro autonomo in forma individuale ciò non è possibile: in questi casi è l’esistenza o l’assenza dell’autonoma organizzazione che assoggetta o meno la partita IVA all’Irap. 

La fattispecie è da valutare caso per caso, e molto del contenzioso che riguarda l’Irap e le persone fisiche discende proprio dal diverso punto di vista su una questione che, in effetti, è molte volte opinabile.

L’intervento normativo fa venir meno l’assoggettamento all’Irap di tutti quei soggetti per i quali l’autonoma organizzazione non si può assumere implicitamente esistente, sfoltendo così una parte del contenzioso sul tema.

Va precisato, però, che il Disegno di Legge di Bilancio 2022 non prevede una norma sul contenzioso già attivato sull’argomento né su quello che si attiverà per gli anni passati fino al 2021, per i quali vale il precedente quadro normativo.

Ti potrebbe interessare l'e-book  IRAP - Rimborsi e ricorsi (eBook 2021)

Tag: LEGGE DI BILANCIO 2023: MISURE ALLO STUDIO LEGGE DI BILANCIO 2023: MISURE ALLO STUDIO LA TASSAZIONE DELLE PMI LA TASSAZIONE DELLE PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA TASSAZIONE DELLE PMI · 30/11/2022 Tassazione operazioni immobiliari: le novità del DDL di bilancio 2023

Novità per la tassazione delle plusvalenze realizzate da soggetti non residenti su partecipazioni su immobili siti in Italia

Tassazione operazioni immobiliari: le novità del DDL di bilancio 2023

Novità per la tassazione delle plusvalenze realizzate da soggetti non residenti su partecipazioni su immobili siti in Italia

Compenso dell’amministratore: la mancanza della delibera è sanabile a posteriori

Il nuovo orientamento della Corte di Cassazione sulla deducibilità del compenso dell’amministratore di società di capitali

Indeducibile il maggior costo della consulenza per revisione del corrispettivo pattuito

Secondo la Corte di Cassazione il maggior compenso versato spontaneamente dall’imprenditore al professionista non costituisce costo inerente all’attività dell’impresa

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.