HOME

/

FISCO

/

ADEMPIMENTI IVA 2021

/

STABILE ORGANIZZAZIONE: SE LA SOCIETÀ SI TRASFERISCE IN ITALIA LA PIVA NON CAMBIA

Stabile organizzazione: se la società si trasferisce in Italia la PIVA non cambia

Le Entrate chiariscono cosa accade se una società con stabile organizzazione in Italia vi trasferisce la sede legale

L'istante, società di somministrazione del personale, autorizzata alla collocazione temporanea dei lavoratori, dichiara di aver chiesto ed ottenuto nel 2018 il riconoscimento a somministrare il personale anche sul territorio italiano; per adempiere agli obblighi fiscali e contributivi correlati alla citata attività ha costituito una stabile organizzazione in Italia. 

L'stante successivamente, intende trasferire la propria sede legale in Italia e chiede di sapere se sia necessario sostituire la partita IVA italiana attualmente in uso (già attribuita alla stabile organizzazione), oppure se possa continuare ad utilizzarla.

Le Entrate sinteticamente, con Risposta a interpello n 800 del 3 dicembre 2021 specificano che come già detto altre volte, nell'ambito dell'ordinamento nazionale non esiste una norma che disciplini espressamente il trasferimento della sede legale di una società all'estero e viceversa. 

Tuttavia, in ossequio al principio di reciprocità previsto dall'articolo 16 delle preleggi del Codice Civile, secondo il quale alle società straniere sono riconosciuti gli stessi diritti previsti per le società italiane se il loro paese d'origine riconosce tali diritti anche in favore delle società italiane, nonché di quanto disposto dall'articolo 25, comma 3 della legge 31 maggio 1995, n. 218, secondo cui «I trasferimenti della sede statutaria in altro Stato e le fusioni di enti con sede in Stati diversi hanno efficacia soltanto se posti in essere conformemente alle leggi di detti Stati interessati» da un punto di vista civilistico, il trasferimento della sede legale in Italia di un soggetto estero può avvenire in continuità giuridica, senza generare alcuna estinzione o liquidazione, purché tale continuità sia riconosciuta anche nello Stato estero di provenienza, ovvero è necessario che il trasferimento della legale all'estero non costituisca in detto Paese un evento estintivo

Pertanto, una volta appurata la possibilità di nazionalizzare la società estera, in regime di continuità e fatti salvi gli effetti ai fini dell'imposizione diretta e indiretta di tale operazione di riorganizzazione aziendale transfrontaliera (in merito alla quale l'istante non pone alcun quesito e che, pertanto non sarà oggetto di approfondimento in sede d'interpello), non si ravvisano specifici impedimenti all'utilizzo da parte della società trasferita della partita IVA già attribuita alla sua stabile organizzazione in Italia, previa la comunicazione delle eventuali modifiche da eseguire ai sensi dell'articolo 35 del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. 

Allegato

Risposta a interpello del 03.12.2021 n. 800

Tag: ADEMPIMENTI IVA 2021 ADEMPIMENTI IVA 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ADEMPIMENTI IVA 2021 · 20/01/2022 IVA agevolata disabili: i documenti necessari per l'agevolazione dal 18 gennaio 2022

IVA agevolata per importazione e cessione di veicoli adattati: la documentazione da presentare dal 18 gennaio 2022 per l'aliquota ridotta

IVA agevolata disabili: i documenti necessari per l'agevolazione dal 18 gennaio 2022

IVA agevolata per importazione e cessione di veicoli adattati: la documentazione da presentare dal 18 gennaio 2022 per l'aliquota ridotta

Esenzione IVA: non spetta per i test diagnostici per controlli su assunzione stupefacenti

L'art 124 del Decreto rilancio valido ai fini dell'agevolazione IVA sulle cessione di prodotti anti covid è tassativo e non vi rientrano i test diagnostici in vitro di altro genere

IVA 2022: ecco il nuovo modello per invio dal 1 febbraio al 2 maggio

Le Entrate pubblicano il modello IVA 2022 e le istruzioni per presentare la dichiarazione IVA relativa all'anno 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.