HOME

/

LAVORO

/

LAVORO ESTERO 2021

/

DISTACCO E SMART WORKING IN ITALIA: NON APPLICABILE LA RETRIBUZIONE CONVENZIONALE

3 minuti, Redazione , 20/09/2021

Distacco e smart working in Italia: non applicabile la retribuzione convenzionale

L'Agenzia conferma il suo orientamento con la risposta a interpello 590 2021 : per la retribuzione convenzionale servono i 183 giorni di effettivo lavoro all'estero

Con una nuova risposta l'Agenzia delle Entrate  ribadisce che la retribuzione convenzionale per iI lavoro all'estero si applica solo nell'eventualità che il lavoratore  soggiorni  per piu di 183 giorni fuori dall'italia, nei 12 mesi. (non nelll'anno solare) Lo smart working svolto in Italia rende impossibile il raggiungimento del requisito. Un caso simile era stato trattato nell'interpello n. 345 2021.

Il caso  era stato sottoposto al parere delle Entrate da  societa  con sede in Italia e appartenente ad un  gruppo  tedesco intenzionata a distaccare  presso la consociata tedesca, priva di una stabile organizzazione in Italia, una propria dirigente. 

Il contratto di distacco  prevede che la prestazione lavorativa della dipendente sia "totalmente" svolta in favore della società distaccataria tedesca "secondo le direttive e le linee gerarchiche della stessa"  quindi  in maniera prevalente e continuativa presso gli uffici della stessa in Germania. 

Fa anche presente  però che :

  •  le mansioni richiedono frequenti viaggi in paesi esteri   e i giorni lavorativi richiederanno un sogggiorno fuori dall'italia per piu di 183 giorni nei 12 mesi 
  •  gli accordi lavorativi del gruppo prevedono che l'attività  puo anche svolgersi in smart working, in qualsiasi paese 
  •  la dipendente distaccata continuerà a risultare fiscalmente residente in Italia, e iscritta all'anagrafe della popolazione residente nel proprio Comune.

Alla luce di queste condizioni l'istante  chiede se  trovi applicazione l'articolo 51, comma 8-bis, del Tuir,  sulle retribuzioni convenzionali,  considerato che contrattualmente è prevista la possibilità per la dipendente di poter lavorare in smart working sia dalla Germania che da altri Paesi.

La risposta dell'Agenzia : le condizioni per le retribuzioni convenzionali

L'agenzia  nella risposta 590 del 15 settembre 2021   richiama in primo luogo il testo dell'articolo 51, comma 8-bis, del Tuir,,  il quale prevede che «il reddito di lavoro dipendente, prestato all'estero in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto da dipendenti che nell'arco di dodici mesi soggiornano nello Pagina 3 di 6 Stato estero per un periodo superiore a 183 giorni, è determinato sulla base delle retribuzioni convenzionali definite annualmente con il decreto del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali di cui all'art. 4, comma 1, del decreto-legge 31 luglio 1987, n. 317, convertito dalla legge 3 ottobre 1987, n. 398». 

Quindi  le condizioni richieste sono 

- il lavoratore, operante all'estero, sia inquadrato in una delle categorie per le quali il decreto  fissa la retribuzione convenzionale;

 - l'attività lavorativa sia svolta all'estero con carattere di permanenza o di sufficiente stabilità; -

 l'attività lavorativa svolta all'estero  deve costituire l'oggetto esclusivo del rapporto di lavoro e, pertanto, l'esecuzione della prestazione lavorativa sia integralmente svolta all'estero; 

- il lavoratore nell'arco di dodici mesi soggiorni nello Stato estero per un periodo superiore a 183 giorni.

Viene anche specificato che  il Legislatore, infatti, con l'espressione «nell'arco di dodici mesi» non si riferisce al periodo d'imposta, ma alla permanenza del lavoratore all'estero stabilita nello specifico contratto di lavoro, che può anche prevedere un periodo a cavallo di due anni solari. Per l'effettivo conteggio dei giorni di permanenza del lavoratore all'estero rilevano, in ogni caso, il periodo di ferie, le festività, i riposi settimanali e gli altri giorni non lavorativi, indipendentemente dal luogo in cui sono trascorsi   Inoltre, è rilevato che lo Stato nel quale rileva fiscalmente il reddito non può essere individuato nel Paese in cui i risultati della prestazione lavorativa sono utilizzati. Pertanto, la tassazione del reddito deve avvenire nel Paese in cui è fisicamente svolta l'attività lavorativa, indipendentemente dal Paese ove si esplicano gli effetti di tale attività. 

L'agenzia conclude  molto esplicitamente che " lo svolgimento in Italia dell'attività lavorativa in smart working comporta la presenza fisica della dipendente nel nostro Paese e, conseguentemente, il mancato rispetto della condizione richiesta dal Legislatore nell'ipotesi in cui nell'arco di 12 mesi soggiorni in Italia per un periodo pari o superiore 183 giorni."

Ti potrebbero interessare gli ebook:

Allegato

Risposta a interpello del 15.09.2021 n. 590

Tag: LAVORO ESTERO 2021 LAVORO ESTERO 2021 LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LAVORO ESTERO 2021 · 04/10/2021 Smart working e regime impatriati nuovi chiarimenti dell'Agenzia

Nell'interpello 621/2021 l'agenzia affronta un ulteriore caso di smart working in paesi eesteri, con imposizione fiscale legata alla durata della permanenza

Smart working e regime impatriati nuovi  chiarimenti dell'Agenzia

Nell'interpello 621/2021 l'agenzia affronta un ulteriore caso di smart working in paesi eesteri, con imposizione fiscale legata alla durata della permanenza

Distacco e smart working in Italia: non applicabile la retribuzione convenzionale

L'Agenzia conferma il suo orientamento con la risposta a interpello 590 2021 : per la retribuzione convenzionale servono i 183 giorni di effettivo lavoro all'estero

L’Agenzia ammette il regime  impatriati nello smart-working con società estera

Risposta a interpello 596 del 16 settembre 2021: il rientro in patria del dipendente in smart working consente il regime impatriati anche per una azienda statuntense

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.