IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 15/06/2021

Smart working: rientra nel computo per il collocamento obbligatorio

Tempo di lettura: 3 minuti
smart working computer

L'Ispettorato del lavoro chiarisce che i lavoratori in smart working vanno conteggiati ai fini del collocamento obbligatorio delle persone disabili in azienda: Interpello 3-2021

Commenta Stampa

Nell'Interpello n. 3 2021 (che alleghiamo sotto all'articolo)  l'Ispettorato del lavoro afferma che nel conteggio ai fini dell'obbligo di collocamento obbligatorio L. 68 1999 i dipendenti in smart working vanno  considerati al pari dei lavoratori  che svolgono la prestazione lavorativa in azienda. 

Il dubbio era stato posto dal Consiglio nazionale degli ordini dei consulenti del lavoro  sulla base del fatto che tale esclusione opera per i dipendenti in telelavoro, modalità simile di prestazione lavorativa che si svolge al difuori della sede aziendale e con " comune finalità di conciliazione tra vita privata e lavorativa, nonché da similari modalità organizzative flessibili "

L'ispettorato risponde in maniera dettagliata  sulla base anche delle indicazioni dell'Ufficio legislativo del MInistero del lavoro. Vengono infatti  proposte alcune differenze  tra le due tipologie  di lavoro e si sottolineano le differenze normative  specificando in particolare che non è applicabile una interpretazione estensiva della norma sul telelavoro . Vediamo piu in dettaglio

Collocamento obbligatorio persone disabili e telelavoro 

 L’obbligo di assunzione delle persone disabili per i datori di lavoro pubblici e privati è sancito dalla citata legge n. 68 del 1999, la quale stabilisce che “[…] agli effetti della determinazione del numero di soggetti disabili da assumere, sono computati di norma tra i dipendenti tutti i lavoratori assunti con contratto di lavoro subordinato” (articolo 4, comma 1, come modificato dall’articolo 4, comma 27, lett. a), della legge n. 92/2012). Viene sottolineato che la norma individua espressamente le categorie di lavoratori non computabili ai fini del calcolo della quota di riserva

L'articolo 23 del d.lgs. 15 giugno 2015, n. 80,  sancisce l’esclusione dei “lavoratori ammessi al telelavoro dal computo dei limiti numerici previsti da leggi e contratti collettivi per l’applicazione di particolari normative ed istituti”. 

Secondo L'ispettorato questa esclusione nasce dal tentativo di incentivare il telelavoro   che non ha avuto particolare diffusione  malgrado sia stato  introdotto da tempo nell’ordinamento (2004) e a dispetto delle sue potenzialità, 

Smart working e collocamento obbligatorio

Diversamente lo smart working, dice l'ispettoratnasce in un contesto più recettivo all’uso degli strumenti tecnologici da remoto, comprende una flessibilità piu marcata e tende a privilegiare un organizzazione del lavoro per obiettivi, senza riferimento a tempo e luogo della prestazione.

Inoltre  ha una sua regolamentazione specifica (articoli 18-23 della legge n. 81/2017),  che non comprende alcuna disposizione analoga a quella contenuta nell’articolo 23 sul telelavoro , che escluda espressamente i lavoratori agili dall’organico aziendale. 

 Infine precisa che  casi di esclusione contemplati dall’articolo 4, comma 1, della legge n. 68/1999, avendo carattere tassativo, non sono suscettibili di interpretazione analogica o estensiva. Tale tassatività è stata sancita dalla Corte di Cassazione con sentenza del 4 febbraio 2016 n. 2210, nella quale  si afferma che "le disposizioni della legge n. 68/1999, in quanto lex specialis “avente ad oggetto la protezione dell'inserimento e dell'integrazione lavorativa delle persone disabili nel mondo del lavoro”, prevalgono su quelle di carattere general"e. 

Ricorda ancora a sostegno dell'ardua distinzione operata,  la ratio delle norme internazionali Convenzione ONU del 13 dicembre 2006, la Carta di Nizza sui diritti fondamentali dell'Unione europea (art. 26) e la Carta sociale europea (art. 15)  volte a garantire a tutela rafforzata alle persone con disabilità : per non pregiudicare la logica inclusiva della normativa speciale  legge 68/1999   afferma che non sono consentite  deroghe relative al personale in smart working in materia di computo ella quota di riserva.

Fonte: Ispettorato nazionale del lavoro


1 FILE ALLEGATO:
INL Interpello n. 3 2021

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

ACE innovativa 2021
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Bonus vacanze nel mod. Redditi e 730
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Tassazione redditi esteri lavoro dipendente
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GLOBALE
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE