IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 19/01/2021

IMU: esclusa l’esenzione per entrambi i coniugi se risiedono in comuni diversi

di Dott. Salvo Carollo

Tempo di lettura: 3 minuti
IMU

La Corte di Cassazione, con ampia giurisprudenza, esclude l’esenzione IMU per l’abitazione principale, per entrambi i coniugi, se questi non risiedono nello stesso comune

Commenta Stampa

Non è fatto raro che due coniugi, a causa di divergenti esigenze lavorative, risiedano stabilmente in due comuni diversi, persistendo comunque il legame coniugale e l’unità del nucleo familiare.

In questi casi, ai fini IMU (Imposta Municipale Unica), finora è stata riconosciuta, ad entrambi i coniugi, la possibilità di godere delle agevolazioni previste per l’abitazione principale, ognuno per l’immobile in cui ha l’effettiva dimora e la relativa residenza anagrafica.

Il riconoscimento dell’esenzione, è opportuno puntualizzarlo, non è basato sul nulla, anzi: il MEF (Ministero dell’Economia e delle Finanze), in occasione della Circolare n.3/DF del 18 maggio 2012, dedicata per intero all’IMU, ha precisato che, a differenza del caso in cui due coniugi risiedano in due diversi immobili all’interno dello stesso comune, per il quale non è possibile usufruire più di una esenzione come abitazione principale per la medesima unità familiare, “il legislatore non ha, però, stabilito la medesima limitazione nel caso in cui gli immobili destinati ad abitazione principale siano ubicati in comuni diversi, poiché in tale ipotesi il rischio di elusione della norma è bilanciato da effettive necessità di dover trasferire la residenza anagrafica e la dimora abituale in un altro comune, ad esempio, per esigenze lavorative”.

Per quanto l’interpretazione del MEF sia esplicita e chiara, denota anche il fatto che questa non si basa su una norma che permette l’esenzione, per questi casi, ma sulla mancanza di una norma che la vieti espressamente.

Nelle pieghe delle mancanze normative si annida il contenzioso, questo genera giurisprudenza, e quando questa arriva ai livelli più alti, colma le mancanze della norma.

Per il caso in esame, quello dei due coniugi che risiedono in due diversi immobili in due diversi comuni, la giurisprudenza è ormai consolidata; la Corte di Cassazione, con numerose ordinanze, tutte concordi, disconosce l’interpretazione precedentemente data dal ministero. Dell'ordinanza numero 20130 del 24 settembre 2020 si era già parlato nell'articolo IMU: nessuna agevolazione se i coniugi risiedono in due comuni diversi, e sono sulla medesima linea le ordinanze numero 4166 del 19 febbraio 2020 e numero 4170 del 19 febbraio 2020, sempre in tema di IMU; senza dimenticare quelle, come la numero 28534 del 15 dicembre 2020,  che, anche se relative all'ICI (Imposta Comunale sugli Immobili), richiamano le stesse definizioni.

I giudici di legittimità, per l’interpretazione del punto in questione, si basano proprio sulle parole scritte sul DL 201/2011, convertito con modificazioni dalla Legge 214/2011, il quale, al comma 2, prevede che “l'imposta municipale propria non si applica al possesso dell'abitazione principale e delle pertinenze della stessa [...]. Per abitazione principale si intende l'immobile […] nel quale il possessore ed il suo nucleo familiare dimorano abitualmente e risiedono anagraficamente”. Partendo dalla norma, così esposta, la corte ha, più volte e concordemente, ritenuto che l’abitazione principale, esente dall’imposta, debba essere quell’immobile in cui dimora e risiede anagraficamente il contribuente insieme alla sua famiglia. Mancando per entrambi i coniugi, nel caso in cui questi risiedano in due comuni diversi, il requisito dell’unitarietà della dimora e della residenza dell’intero nucleo familiare nella medesima abitazione, secondo la corte, viene meno il presupposto per qualificare entrambi gli immobili come abitazioni principali, e di conseguenza non potranno godere delle relative esenzioni previste dalla normativa.

Come quasi sempre, quando si discute di diritto tributario italiano, non mancano ragionevoli voci di perplessità, ma, alla luce della consolidata linea giurisprudenziale dettata, in modo continuato e coerente, dalla suprema corte, a meno di un futuro e diverso intervento del Legislatore sul tema, oggi questa interpretazione non può essere ignorata; anche quando il contribuente vorrà basarsi sull’interpretazione del MEF, dovrà tenere in considerazione che, in sede di contenzioso, con ogni probabilità rappresenterà la parte soccombente.

Per altri approfondimenti sull'IMU si legga:

IMU: l'esenzione per i beni merce va chiesta nella dichiarazione al comune 

IMU: riduzione alla metà per i pensionati esteri 

Nuova IMU 2020: guida al versamento del 16 giugno

Fonte: Corte di Cassazione


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Maria Cristina Maria Cristina - 04/02/2021
Quando nel 2014, dopo l'introduzione delle nuove regole Imu, ci siamo trovati che mio figlio sposato abitava nella casa di mio marito, mio marito invece abitava nella casa di mio figlio, la sottoscriita abitava in altra casa di proprietà in un terzo comune, e tutti per ragioni di lavoro. Nel 2014, per regolarizzare il tutto edadeguarci al nuovo regolamento, meglio chiarito con la circ. del Mef del 2012, con atto notarile di permuta ognuno di noi è diventato proprietario della abitazione in cui vive ed ivi traferito la propria residenza nonché la dimora abituale. Ora mi si dice, dopo 5 (cinque!) anni che non abbiamo diritto alla esenzione Imu... È veramente sconcertante....! Siamo diventati evasori per colpa della interpretazione dei giudici della cassazione? Grazie
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Salvo Carollo Salvo Carollo - 13/02/2021
Buonasera Maria Cristina, grazie per il commento. Uno dei compiti della Corte di Cassazione è quello di assicurare l'uniforme interpretazione della Legge. Ai fini delle rilevanze esposte sull'articolo sarà anche opportuno non trascurare che, sempre in base a una sentenza del 2014 della corte, l'interpretazione data da questa, avendo appunto valore interpretativo e non normativo, assume efficacia retroattiva. Buona serata.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE