IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 29/07/2020

Fornitura materiale per l’edilizia e IVA

Tempo di lettura: 1 minuto
IVA edilizia

Beni finiti e aliquota IVA agevolata in edilizia

Commenta Stampa

Nel presente articolo si analizzerà il trattamento IVA della fornitura di materiale per l’edilizia.
Si tenga presente che a norma del n. 24 della Tabella A, Parte II, allegata al D.P.R. n. 633/72 (aliquota del 4%) e del n. 127-terdecies della Tabella A, Parte III, allegata al D.P.R. n. 633/72 (aliquota del 10%), sono agevolate rispettivamente le forniture di beni finiti, ad esclusione delle materie prime e semilavorate:
  • per la costruzione, anche in economia, di fabbricati "Tupini" e di edifici rurali, destinati ad uso abitativo del proprietario del terreno o di altri addetti alle coltivazioni o all'allevamento del bestiame;
  • per gli interventi di restauro e risanamento conservativo, ristrutturazione edilizia e ristrutturazione urbanistica.
Come noto, per beni finiti, per i quali si applica l'aliquota IVA ridotta, si intendono i beni che, anche successivamente al loro impiego nella realizzazione dell'intervento di recupero, non perdono la loro individualità, pur incorporandosi nell'immobile (C.M. n. 1/E del 1994).
Non sono da considerare beni finiti quelli che, pur essendo prodotti finiti per il cedente, costituiscono materie prime e semilavorate per il cessionario (es. mattoni, maioliche, chiodi, ecc.).
Sono da considerare beni finiti, a titolo esemplificativo, gli ascensori, i montacarichi, gli infissi, i sanitari, i prodotti per gli impianti idrici, elettrici, a gas (si veda al riguardo la R.M. n. 71/E del 2012).
Si tenga presente che l’art. 7, comma 1 lett. b) della Legge n. 488/99, pur contemplando anche gli altri interventi di recupero edilizio, estende l'aliquota IVA del 10% alle forniture di beni con posa in opera per gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria su edifici a prevalente destinazione abitativa, con la limitazione per i beni significativi. L'agevolazione riguarda anche le materie prime e semilavorate nonché tutti gli altri beni necessari per i lavori di manutenzione (si veda al riguardo la C.M. n. 71/E del 2000).

Leggi anche: 
Cosa si intende per “beni significativi” ai fini dell’applicazione dell’Iva agevolata al 10%?

Beni finiti con IVA al 4%: rientrano ringhiere, recinzioni e tettoie


 

Ti potrebbe interessare l'e-book  Iva in edilizia e reverse charge

Fonte: Fisco e Tasse


TAG: Edilizia

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE