HOME

/

FISCO

/

EMERGENZA CORONAVIRUS

/

L'INPS RIVEDE LE DOMANDE RESPINTE: POSSIBILE RECUPERO BONUS 600 EURO MARZO

3 minuti, Redazione , 04/06/2020

L'Inps rivede le domande respinte: possibile recupero bonus 600 euro marzo

Mancata iscrizione gestione separata, riesame domanda entro il 21 giugno: il bonus spetta anche se ancora manca l'iscrizione

L’Inps ha fornito chiarimenti in merito alle richieste di indennità istituite per l’emergenza COVID-19 pari a 600 euro per marzo e aprile (dal Decreto Cura Italia e poi dal decreto Rilancio) a favore di liberi professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa titolari di partita Iva attive al 23 febbraio, iscritti in via esclusiva alla gestione separata Inps e non pensionati.

 In particolare, nel caso in cui le domande siano state rifiutate, ad esempio per mancanza del requisito di iscrizione alla gestione separata, è possibile effettuare un’istanza di riesame entro la data del 21 giugno, dimostrando l'apertura della partita Iva. La mancata iscrizione in questi casi è causato dal mancato rispetto dei 30 giorni dall'inizio attività e puo' essere regolarizzata.

Si fa presente che l’Inps, nell' allegato 1 al messaggio 2263 del 1 giugno 2020 (consultabile in allegato), ha ricordato i requisiti richiesti per godere del Bonus e ha specificato in quali casi è possibile chiedere il riesame della domanda che sia stata negata.

Con riferimento all’ indennità a liberi professionisti e lavoratori con rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, si riportano i chiarimenti dell'inps con riferimento alle due categorie di  beneficiari.

Liberi professionisti (compresi gli associati a studi professionali o i soci di società semplici):

  • in possesso di Partita Iva attiva al 23 febbraio 2020;
  • iscritti alla Gestione Separata INPS.

L’Inps ha esaminato due ipotesi in cui la domanda sia stata rigettata e fornito i chiarimenti per effettuare l’istanza di riesame, come di seguito riportiamo:

  1. se la domanda è stata rigettata per mancata individuazione della P. IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020 in quanto il professionista (componente di uno studio associato) ne abbia omesso l’indicazione al momento dell’iscrizione alla Gestione separata. In questo caso è possibile chiedere il  riesame della domanda respinta, fornendo gli estremi della partita iva attiva alla predetta data;

  2. se il rigetto della domanda è derivato dalla mancata iscrizione del professionista alla Gestione separata è necessario verificare:

  • la presenza di una partita Iva attiva alla data del 23 febbraio 2020 presso Agenzia delle Entrate;

  • il corretto adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa vigente, in particolare con la compilazione del quadro RR sez. II delle dichiarazioni reddituali relativo alla determinazione della contribuzione dovuta alla Gestione separata;

Qualora la verifica degli ultimi due aspetti segnalati risulti positiva, pur in assenza di iscrizione alla Gestione separata, il professionista ha adempiuto agli obblighi derivanti dalla normativa ai fini della determinazione della contribuzione previdenziale.

Se l’attività ha avuto inizio dal 1 gennaio 2019, non essendo ancora decorsi i termini per gli adempimenti fiscali da parte del professionista (dichiarazione dei redditi nella quale deve essere compilato anche il quadro RR sez. II relativo alla determinazione della contribuzione dovuta alla Gestione separata), è sufficiente che il beneficiario alleghi all’istanza di riesame la ricevuta della comunicazione di inizio attività (modello AA9), dalla quale risulti l’inizio dell’attività alla data del 23 febbraio 2020.

Si ricorda inoltre che l’accoglimento dell’istanza di riesame è comunque  subordinato alla verifica dell’avvenuta iscrizione alla Gestione separata da parte del professionista e della relativa decorrenza anche se effettuata dopo la data del 23 febbraio 2020.

Titolari di rapporto di collaborazione coordinata e continuativa:

  • con contratto di collaborazione attivo al 23 febbraio 2020
  • iscritti alla Gestione Separata.

Da ultimo, ai fini del riesame si ricorda che:

  • l’utente può inviare la documentazione richiesta attraverso il link “Esiti”, nella stessa sezione del sito INPS in cui è stata presentata la domanda “Indennità 600 euro” ”oppure tramite la casella di posta istituzionale dedicata: [email protected], istituita per ogni struttura territoriale INPS  (ad esempio [email protected]).
  • l’istanza di riesame deve essere inoltrata entro la data del 21 giugno (oppure entro 20 giorni dalla comunicazione del rigetto della domanda , se avviene dopo il 1 giugno 2020) ovvero dalla conoscenza della reiezione, se successiva.

Allegati

Messaggio INPS 2263-2020 Istruzioni gestione separata
Messaggio 2263 inps del 1 giugno

Tag: EMERGENZA CORONAVIRUS EMERGENZA CORONAVIRUS AGEVOLAZIONI COVID-19 AGEVOLAZIONI COVID-19

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

EMERGENZA CORONAVIRUS · 27/09/2021 Green pass lavoratori: domande, risposte e qualche dubbio

Adempimenti, controlli, sanzioni sull'obbligo di Green pass in vigore il 15 ottobre. Certificato verde anche per colf e badanti. Il testo del decreto. Le FAQ del Governo

Green pass lavoratori:  domande, risposte e qualche dubbio

Adempimenti, controlli, sanzioni sull'obbligo di Green pass in vigore il 15 ottobre. Certificato verde anche per colf e badanti. Il testo del decreto. Le FAQ del Governo

Accollo debiti altrui: pagamento con F24 per via telematica

Le Entrate chiariscono che l'accollo del debito d'imposta altrui avviene con pagamento con F24 per via telematica.

Covid 19: le regole sul green pass per i guariti

Vediamo le regole sul green pass per quelli che hanno contratto il covid dopo la prima dose di vaccino o si sono vaccinati dopo essere guariti.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.