IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 15/10/2020

Strutture alberghiere e ricettive: ampliamento e proroga del bonus affitti

di Redazione Fisco e Tasse

Tempo di lettura: 5 minuti
credito locazione negozi

Il decreto di agosto convertito dalla legge n. 126/2020 aumenta il bonus affitto di azienda al 50% e proroga il bonus per le strutture turistiche alberghiere fino al 31 dicembre

Commenta Stampa

Il decreto di agosto all'art. 77 così come modificato dalla legge di conversione del 13.10.2020 n. 126, ha inserito tra i soggetti che possono beneficiare del bonus affitti anche le strutture termali indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo di imposta precedente, modificando la disciplina del credito d'imposta per i canoni di locazione degli immobili a uso non abitativo e affitto d'azienda, di cui all'articolo 28, comma 3 del DL n. 34 del 2020.

Lo stesso decreto aveva prorogato il bonus per tutti fino a giugno e per le strutture turistico-ricettive con attività solo stagionale fino a luglio (il bonus è commisurato all'importo versato nel periodo d'imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio e giugno e per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale con riferimento a ciascuno dei mesi di aprile, maggio e giugno e luglio). 

In sede di conversione del decreto di agosto, con la nuova lettera b-bis), viene previsto che per le imprese turistico ricettive, il credito d'imposta spetta sino al 31 dicembre 2020.

In sintesi la legge di conversione del DL Agosto modificando l’art. 28, comma 2, del decreto Rilancio (DL 34/2020) ha previsto:

  • aumento della percentuale del credito di imposta relativo all'affitto di azienda dal 30% al 50% per le strutture turistico-ricettive
  • nuova previsione di spettanza del credito di imposta per entrambi i contratti nel caso in cui, in relazione alla medesima struttura turistico-ricettiva, siano stipulati due contratti distinti, uno relativo alla locazione dell’immobile e uno relativo all’affitto d’azienda
  • proroga del bonus fino al 31 dicembre 2020 per le imprese turistico ricettive.

Il Decreto Rilancio aveva confermato il credito di imposta per le locazioni ad uso non abitativo e affitto di azienda (art 28), ricordiamo che tale credito riguarda tutte le locazioni di immobili non abitativi, non solo quelli di categoria C/1 e spetta a tutte le attività di impresa e professionali con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo di imposta 2019.

E' un credito di imposta per i canoni di locazione, leasing, o concessione pagati da:

  • esercenti attività di impresa
  • esercenti attività di arti e professioni

I canoni di locazione devono riguardare immobili ad uso non abitativo e destinati ad attività:

  • industriale
  • commerciale
  • artigianale
  • agricola
  • di interesse turistico e termali
  • o riguardare l’esercizio di abituale attività di lavoro autonomo.

La misura del credito spetta ai soggetti suddetti per un ammontare pari al 60% del canone totale corrisposto. In caso di contratti di servizi a prestazioni complesse o di affitto d’azienda, comprensivi di almeno un immobile a uso non abitativo destinato allo svolgimento dell’attività industriale, commerciale, artigianale, agricola, di interesse turistico o all'esercizio abituale e professionale dell’attività di lavoro autonomo, il credito d’imposta spetta invece nella misura del 30% dei relativi canoni (per le strutture turistico-ricettive, il credito d’imposta relativo all’affitto d’azienda è determinato nella misura del 50%).

Il credito d’imposta è commisurato all’importo delle locazioni versate nel periodo 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno e per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionali e termali con riferimento ai mesi di aprile, maggio, giugno e luglio.

Secondo quanto disposto dall’articolo 28 comma 3 del DL Rilancio n. 34/2020, di regola, possono fruire del credito d’imposta nella misura del 60% o 30% soltanto i soggetti con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo d'imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del presente decreto. Le uniche eccezioni per il quale il limite di 5 milioni di ricavi o compensi non opera, e quindi indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente, sono per: 

  • le strutture alberghiere, termali e agrituristiche; 
  • le agenzie di viaggio e turismo; 
  • i tour operator 

Mentre il calo del fatturato è un requisito sempre richiesto, ad eccezione che per i seguenti soggetti (comma 5 dell’art.28 DL Rilancio n. 34/2020):

  • i soggetti che hanno iniziato l’attività a partire dall’01.01.2019; 
  • i soggetti che, a far data dall’insorgenza dell’evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza da COVID-19 (31.01.2020).

Ne beneficiano anche gli enti non commerciali compresi gli enti del terzo settore, gli enti religiosi civilmente riconosciuti, e in relazione al canone di locazione, di leasing o di concessione di immobili ad uso non abitativo destinati allo svolgimento dell’attività istituzionale.

Riepilogando:

BONUS AFFITTI 

MISURA

  • 60% canoni di locazione non abitativi (20% per le imprese esercenti attività di commercio al dettaglio, con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro nel 2019)
  • 30% in caso di affitto di azienda (50% per le strutture turistico-ricettive e 10% per le imprese esercenti attività di commercio al dettaglio, con ricavi o compensi superiori a 5 milioni di euro nel 2019)

PER QUALI MESI SPETTA

Per i soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel 2019

PER I MESI

MARZO, APRILE, MAGGIO E GIUGNO

Per le strutture turistico ricettive con attività solo stagionale 

PER I MESI

 APRILE, MAGGIO, GIUGNO E LUGLIO

Con la novella introdotta in sede di conversione

per le imprese turistico-ricettive

IL CREDITO D’IMPOSTA SPETTA FINO AL 31 DICEMBRE 2020

REQUISITI

Diminuzione fatturato almeno il 50% rispetto allo stesso mese del periodo d'imposta precedente, ad eccezione dei soggetti (comma 5 dell’art.28 DL Rilancio n. 34/2020):

  • che hanno iniziato l’attività a partire dall’01.01.2019; 
  • che, a far data dall’insorgenza dell’evento calamitoso, hanno il domicilio fiscale o la sede operativa nel territorio di comuni colpiti dai predetti eventi i cui stati di emergenza erano ancora in atto alla data di dichiarazione dello stato di emergenza da COVID-19 (31.01.2020).


Va precisato che si prevede una non cumulabilità del credito in oggetto con il credito d’imposta di cui all’articolo 65 del decreto- legge 17 marzo 2020, n. 18 (Cura Italia) convertito in Legge n 27 che ricordiamo prevedeva un credito di imposta per i soli immobili cat. C/1.

Queste le modalità di fruizione del credito:

  • in dichiarazione dei redditi relativa al periodo d’imposta di sostenimento della spesa
  • ovvero in compensazione successivamente all'avvenuto pagamento dei canoni.
  • al posto dell'utilizzo diretto si può optare ai sensi dell’art 122 del Decreto Rilancio per la cessione del credito d’imposta al locatore o al concedente o ad altri soggetti, compresi istituti di credito e altri intermediari finanziari.

Il credito d'imposta non concorre alla formazione del reddito ai fini delle imposte sui redditi e dell'Irap.

Per tutte le disposizioni applicative rinviamo alle istruzioni dettate dall'agenzia delle entrate  Bonus affitti imprese al via: le modalità su come utilizzarlo

Per gli enti del terzo settore Credito di imposta per locazioni degli enti non commerciali e del terzo settore

Per approfondire ti segnaliamo il Pacchetto Conversione Decreto Agosto eBook + Circolare clienti con tutte le novità e le disposizioni confermate del Decreto Agosto DL n. 140/2020 dopo la sua conversione in Legge n. 126 del 13.10.2020, in un eBook in pdf + una Circolare in formato Word per i clienti dello Studio

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 GABRIELE GABRIELE - 29/10/2020
Buonasera, siete sicuri che per usufruire del credito di imposta sulle locazioni pagate da strutture alberghiere non si deve effettuare il controllo della diminuzione del fatturato del 50% rispetto al medesimo periodo dell'anno precedente? Qual è il riferimento normativo esatto di tale disposizione?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Claudia Tossani Claudia Tossani - 30/10/2020
Buongiorno, il riferimento normativo è indicato nell'articolo all'inizio (di cui all'articolo 28, comma 3 del DL n. 34 del 2020) che così recita: Il credito di imposta di cui ai commi 1 e 2 spetta alle strutture alberghiere, termali, alle agenzie di viaggio e turismo e ai tour operator indipendentemente dal volume di ricavi e compensi registrato nel periodo d'imposta precedente. Cordiali saluti
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Soldani Stefano Soldani Stefano - 21/08/2020
Nel vostro articolo si legge "Lo stesso decreto proroga il bonus per tutti fino a giugno e per le strutture turistico-ricettive con attività solo stagionale fino a luglio". Confermate che la proroga a giugno riguarda tutti ?
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Claudia Tossani Claudia Tossani - 25/08/2020
Buongiorno, si confermo che il bonus spetta ai soggetti esercenti attivita' d'impresa, arte o professione, con ricavi o compensi non superiori a 5 milioni di euro ed è commisurato all'importo versato nel periodo d'imposta 2020 con riferimento a ciascuno dei mesi di marzo, aprile e maggio e giugno, alle stesse condizioni previste dal dl rilancio. In pratica è stato esteso ad un altro mese (giugno).
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE