HOME

/

NORME

/

CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE

/

REGIME FORFETARIO: RESIDENZA EXTRA UE

1 minuto, Redazione , 28/04/2020

Regime forfetario: residenza extra UE

L'Agenzia delle Entrate chiarisce alcuni requisiti per applicare il regime forfetario ai contribuenti residenti all'estero

Ascolta la versione audio dell'articolo

L’Agenzia delle Entrate, a seguito di nuovo interpello presentato da una contribuente residente all’estero, torna ad occuparsi dell’applicabilità del regime forfetario, con particolare riferimento alla causa ostativa di cui all’ art. 1, comma 57, lettera b) della Legge n. 190 del 2014 (si veda anche il precedente articolo: Regime forfetario e soggetti non residenti: condizioni di ammissibilità).

Con la recentissima Risposta n. 119 del 24 aprile 2020, l’Agenzia ribadisce alcuni importanti chiarimenti sul punto, facendo presente che, il regime forfetario non può essere applicato a un soggetto non residente in uno degli Stati membri dell'Unione europea o in uno Stato aderente all'Accordo sullo Spazio economico europeo, collaborativo ai fini dello scambio delle informazioni.

Nel nuovo caso esaminato, la contribuente, pur essendo residente all’estero, ritiene di poter godere del regime di favore, grazie alla deroga relativa alla causa ostativa, presente nella norma citata. L’istante si riferisce ai due requisiti seguenti:

  • residenza in uno Stato membro dell'Unione Europea o in uno Stato aderente allo Spazio Economico Europeo (c.d. "SEE") che assicuri un adeguato scambio di informazioni;
  • produzione di redditi nel territorio dello Stato italiano in misura almeno pari al 75 per cento del reddito complessivamente prodotto.

L’Agenzia ribadisce la finalità della norma che esclude dal regime forfetario i soggetti non residenti, consistente nel garantire a questi ultimi parità di trattamento fiscale dei residenti soltanto se residenti in un Paese dell'Unione Europea ovvero in un Paese dello Spazio Economico Europeo (c.d. "SEE"), collaborativo ai fini dello scambio delle informazioni e ove producano in Italia (in qualità di Stato fonte) la maggior parte dei propri redditi complessivamente prodotti.

L’Agenzia chiarisce inoltre che:

  • l'acronimo SEE designa l'area geografica corrispondente agli Stati dell'EFTA aderenti all'omonimo Accordo con l'Unione Europea, entrato in vigore il 1° gennaio 1994. Si tratta, in particolare, di Islanda, Norvegia e Liechtenstein. E’ necessario che lo Stato, pur appartenendo all'EFTA, faccia parte dello SEE.

Il paese di residenza della contribuente tuttavia, pur appartenendo all'EFTA, diversamente dagli altri Stati membri della predetta Associazione, non fa parte dello SEE, non avendo sottoscritto il relativo accordo.

Conseguentemente l’Agenzia non ritiene che il regime di favore possa essere applicato al caso sottopostole dalla contribuente.

Allegato

AE Risposta 119 del 24 aprile 2020

Tag: CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

CIRCOLARI - RISOLUZIONI E RISPOSTE A ISTANZE · 06/11/2022 Fringe benefit 2022 fino a 600 euro anche per le utenze domestiche

Inclusi nei fringe benefit ai lavoratori anche le utenze domestiche; i chiarimenti dell'Agenzia per i datori di lavoro sulla nuova disciplina del welfare aziendale

Fringe benefit 2022 fino a 600 euro anche per le utenze domestiche

Inclusi nei fringe benefit ai lavoratori anche le utenze domestiche; i chiarimenti dell'Agenzia per i datori di lavoro sulla nuova disciplina del welfare aziendale

Cessione e sconto bonus edilizi ed errori nella Comunicazione: i chiarimenti dell'Agenzia

Bonus edilizi: come rimediare agli errori commessi nella compilazione della Comunicazione dell'opzione di cessione o sconto e novità introdotte dai decreti Aiuti e Aiuti bis

Rivalutazione retribuzioni per  premi INAIL dal 1° luglio 2022

Aggiornati i limiti di retribuzione imponibile per il calcolo dei premi INAIL , validi a partire dal 1 luglio 2022 nella circolare 33 del 2.9.2022. Tabella di sintesi 2013-2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.