HOME

/

FISCO

/

NUOVA IMU 2020: GUIDA ALLE NOVITÀ TRA COVID19 E ADDIO ALLA TASI

/

RISCOSSIONE ENTI LOCALI: PAGAMENTI RATEALI PER GLI ACCERTAMENTI ESECUTIVI

1 minuto, Redazione , 27/04/2020

Riscossione enti locali: pagamenti rateali per gli accertamenti esecutivi

I Comuni possono prevedere in autonomia le modalità di riscossione delle entrate tributarie: chiarimenti nella risoluzione del MEF

Ascolta la versione audio dell'articolo

Con Risoluzione n. 3/DF del 17 aprile 2020, pubblicata sul sito del MEF in data 20 aprile 2020 (e consultabile nel file allegato), vengono chiarite le modalità di rateazione, da parte degli enti locali, delle somme dovute a seguito della notifica di atti di accertamento esecutivo di cui all’art. 1, comma 792 della legge 7 dicembre 2019, n. 160.

In particolare, viene confermato che la riscossione coattiva delle entrate diverse dalle imposte sui redditi, seppur affidata all’agente della riscossione, può essere effettuata con modalità di rateazione previste dal comune.

A tal proposito si ricorda che, le modalità con cui gli enti locali e i soggetti ai quali è affidata la gestione della riscossione delle proprie entrate, sono disciplinate all’art. 1, commi da 796 a 801, legge n. 160 del 2019, che prevede la rateazione.

I Comuni tuttavia, nell’esercizio della propria autonomia regolamentare, possono derogare alla norma riguardante la rateazione, prevedendo diverse modalità di riscossione delle somme dovute, a seguito di notificazione di atti impositivi.

La finalità della disposizione è chiaramente quella di semplificare i procedimenti amministrativi e di evitare aggravamenti verso i contribuenti, riducendo il numero di adempimenti richiesti e garantendo modalità quanto più agevoli, anche in termini di minori costi possibili.

Le modalità di rateazione delle somme dovute, disciplinate al comma 796 dell’art. 1 della legge n. 160 del 2019 sono quindi derogabili dai Comuni, ad eccezione della previsione riguardante la durata massima della rateazione. Quest’ultima infatti non può mai essere inferiore a 36 rate mensili per debiti di importi superiori a euro 6.000,01.

Ciò a tutela dei diritti del debitore.

Nella risoluzione viene tuttavia chiarito che, qualora la riscossione coattiva delle somme sia stata affidata dall’ente locale all’agente della riscossione, la rateazione deve seguire le specifiche disposizioni contenute nell’art. 19 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 602. L’unica eccezione prevista è l’ipotesi di rateazione delle entrate diverse dalle imposte sui redditi. In questo caso rimane infatti la facoltà dell’ente creditore di indicare proprie modalità di riscossione delle somme, tramite una comunicazione rivolta all'agente della riscossione competente (a seconda della sede legale dello stesso ente). La comunicazione diventa efficace dopo 30 giorni dal ricevimento della stessa da parte dell’agente, come previsto dall’art. 26, comma 1-bis, del D. Lgs. 46/1999.

Ti potrebbero interessare 2 eBook: 

e il foglio di calcolo in excel:

Allegato

Risoluzione MEF n. 3 del 17 aprile 2020

Tag: IVIE - IVAFE IVIE - IVAFE NUOVA IMU 2020: GUIDA ALLE NOVITÀ TRA COVID19 E ADDIO ALLA TASI NUOVA IMU 2020: GUIDA ALLE NOVITÀ TRA COVID19 E ADDIO ALLA TASI ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI PROVVEDIMENTI PROVVEDIMENTI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

NUOVA IMU 2020: GUIDA ALLE NOVITÀ TRA COVID19 E ADDIO ALLA TASI · 30/07/2021 Esenzione IMU se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi lavorativi

Possibile l’esenzione IMU per l’abitazione principale se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi che dimostrino la mancanza di un intento elusivo

Esenzione IMU se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi lavorativi

Possibile l’esenzione IMU per l’abitazione principale se i coniugi risiedono in comuni diversi per motivi che dimostrino la mancanza di un intento elusivo

IMU: ecco un riepilogo delle esenzioni 2020/2021

L'IFEL Fondazione ANCI propone un utile riepilogo delle esenzioni IMU previste dai provvedimenti anti covid. Vediamolo

IMU 2021: ravvedimento breve entro il 16 luglio 2021

Oggi 16 luglio, ultimo giorno utile per usufruire della riduzione della sanzione a 1/10 in caso di mancato pagamento del primo acconto Imu 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.