Rassegna stampa Pubblicato il 09/04/2020

Anticipo CIG dalle banche: ok dell'INPS

Tempo di lettura: 2 minuti
riscatto denaro fondi

Dopo l'accordo tra banche , Governo e sindacati , ecco la convenzione con INPS per l'anticipo degli importi di cassa integrazione per il COVID 19 direttamente sui conti dei lavoratori

L’INPS e l’ABI  hanno emanato oggi un comunicato sull'accordo raggiunto  per ridurre i tempi per l’accredito dei trattamenti di integrazione al reddito (assegni cassa   integrazione ordinaria, cassa in deroga, assegni del fondo integrazione salariale e dei fondi   bilaterali) previsti dal decreto-legge “cura Italia”.
In particolare, le procedure INPS per l’accredito della prestazione, non richiedono più l’invio dei modelli cartacei validati presso gli sportelli bancari e postali. Inoltre è stato   semplificato il modulo telematico con cui le aziende comunicano i dati dei lavoratori .
ABI ha  quindi definito ieri  con l'istituto previdenziale la convenzione nazionale che consente ai lavoratori sospesi dal lavoro a causa  dell’emergenza COVID-19 di ricevere dalle banche un’anticipazione dei trattamenti ordinari di  integrazione al reddito e di cassa integrazione in deroga previsti nel decreto-legge “cura-Italia”
rispetto al momento di pagamento dell’Inps. 

In particolare, dopo la presentazione all’INPS della  domanda per il trattamento di integrazione salariale, il lavoratore può rivolgersi alla banca per ottenere un’anticipazione del trattamento. L’utilizzo delle recenti innovazioni, anche tecnologiche, contribuisce a semplificare il processo di erogazione dell’anticipo dei trattamenti di integrazione .L'importo   potrà arrivare  a 1400 euro per i  lavoratori a zero ore per 9 settimane di sospensione (assegno ovviamente riproporzionato se per periodi inferiori o se part-time).

La convenzione favorisce anche la gestione delle pratiche in “remoto”, così da limitare l’accesso  in filiale alle esigenze indifferibili, in coerenza con quanto concordato tra ABI e i sindacati dei  bancari Fabi, First-Cisl, Fisac-Cgil, Uilca e Unisin lo scorso 24 marzo 2020.  Infatti l'Abi raccomanda  che i lavoratori interessati si rivolgano per telefono alla propria banca in modo che non sia necessario recarsi in banca per ricevere l'importo sul conto corrente.

In materia era stata  sottoscritta il 30 marzo una  convenzione  tra Governo, ABI  e sindacati   firmata dalla  ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo . Sul punto maggiori dettagli nell'articolo "Cassa integrazione al via le domande"

Particolarmente importante " l'inserimento nel testo del protocollo dell'esclusione di costi a carico dei lavoratori per l'ottenimento delle anticipazioni",  ha spiegato la segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan.  In una nota dell' Abi  infatti si  invitano le banche associate , nell'applicare la Convenzione " ad evitare costi per i lavoratori che beneficeranno dell'anticipazione in coerenza con le finalità e la valenza sociale dell'iniziativa". I primi assegni dovrebbero  partire anche prima delle festività pasquali ha affermato il ministero dello sviluppo economico Patuanelli .

Fonte: ABI - Associazione Bancaria Italiana




Prodotti consigliati per te

29,90 € + IVA
26,90 € + IVA
15,90 € + IVA
14,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)