IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 19/03/2020

Versamenti prorogati al 20 marzo: ecco chi deve pagare domani

Tempo di lettura: 2 minuti
Quesiti

Decreto Cura Italia marzo 2020: sospesi i versamenti del 16 marzo. Ecco cosa scade domani e chi deve pagare

Commenta Stampa

Il Decreto Cura Italia contiene al suo interno molte misure con cui il Governo cerca di dare risposte immediate in questa situazione di emergenza a causa della pandemia. Ovviamente non è facile, e sono stati promulgati molti decreti in queste settimane, che tra rimandi e sospensioni rischiano di confendere chi deve pagare e quando. Un primo chiarimento è arrivato ieri sera nella Risoluzione 12 dell'Agenzia delle Entrate (si veda l'articolo Decreto Cura Italia: le Entrate chiariscono la sospensione dei versamenti) ma il dubbio degli operatori è: devo versare domani?

Andando con ordine l'articolo 60 del cd. Decreto Cura Italia (DL 18/2020) ha disposto per tutti i soggetti la proroga dal 16 marzo a domani 20 marzo 2020 dei versamenti

  • nei confronti delle pubbliche amministrazioni,
  • inclusi quelli relativi ai contributi previdenziali e assistenziali,
  • dei premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo 2020.

Attenzione va prestata al fatto che la proroga è applicabile ai versamenti dovuti a qualsiasi titolo dalla generalità dei contribuenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, in scadenza alla data del 16 marzo 2020.

Quindi in linea generale tutti i contribuenti dovrebbero pagare i versamenti scaduti il 16 marzo, domani. Ma non è così. Infatti per venire incontro ad esigenze specifiche di categorie o settori è stata previsto che:

  1. per i settori maggiormente colpiti come turismo, ristorazione, cultura (vedi i codici ATECO indicati nella Risoluzione pubblicata ieri dall'Agenzia delle Entrate),  i versamenti sono spesi fino al 30 aprile ma dovranno essere eseguiti in un'unica soluzione o in 5 rate mensili entro il 31 maggio (1° giugno in quanto il termine cade di domenica).
  2. per i contribuenti esercenti attività d’impresa, arte o professione con ricavi o compensi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo d’imposta 2019 sono sospesi i versamenti da autoliquidazione che scadono tra l’8 e il 31 marzo relativi a ritenute sui redditi di lavoro dipendente e assimilato, IVA, contributi e premi per l’assicurazione obbligatoria. Anche per loro i versamenti sospesi dovranno essere eseguiti in unica soluzione entro il 31 maggio 2020, o in 5 rate mensili di pari importo  partire da maggio.
  3. Per le persone fisiche e i soggetti diversi che al 21 febbraio 2020 avevano la residenza o la sede nei comuni della vecchia “zona rossa” (vedi DPCM. 1° marzo 2020) si applica la sospensione degli adempimenti e versamenti tributari in scadenza tra il 21 febbraio e il 31 marzo 2020.

Scopri le nostre Promozioni presenti sul Business Center, e-book e utilità per aiutarti nella tua attività

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Affrancamento terreni 2020 (excel)
Scaricalo a 39,90 € + IVA
Valutazione d'azienda e Affrancamento: Pacchetto
In PROMOZIONE a 119,90 € + IVA invece di 159,96 € + IVA fino al 2030-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-11-10
Busta Paga Colf 2020 - Foglio di calcolo (excel)
In PROMOZIONE a 29,90 € + IVA invece di 34,90 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE