HOME

/

PMI

/

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI

/

SPETTACOLI TEATRALI DAL VIVO SENZA OBBLIGO DI CORRISPETTIVI TELEMATICI

3 minuti, Redazione , 11/12/2019

Spettacoli teatrali dal vivo senza obbligo di corrispettivi telematici

Corrispettivi 2020: un'associazione che organizza e produce spettacoli teatrali è esclusa dalla trasmissione telematica dei dati. Nuova risposta delle Entrate

Corrispettivi telematici si o no? Aumentano i dubbi con l'avvicinarsi del 1° gennaio 2020 che vede l'entrata in vigore dell'obbligo telematico dei corrispettivi per tutti gli esercenti indipendentemente dalla soglia dei ricavi. Attualmente l'obbligo adesso vige per i  soggetti che effettuano attività di commercio al minuto e assimilate con volume d'affari superiore a 400.000 euro. Il dubbio questa volta è stato sollevato da un'associazione senza scopo di lucro che organizza spettacoli teatrali dal vivo e pertanto applica il regime IVA previsto dall'articolo 74-quater del decreto IVA. Ai sensi del comma 2 del citato articolo l'obbligo di certificazione dei corrispettivi è assolto "con il rilascio di un titolo di accesso emesso mediante apparecchi misuratori fiscali ovvero mediante biglietterie automatizzate". L'istante, inoltre, inviare periodicamente alla S.I.A.E. i dati relativi ai riepiloghi giornalieri e mensili. L'associazione ha quindi chiesto se dal 1° gennaio 2020 è obbligato alla memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi.

Nella Risposta all'interpello 506 del 10 dicembre 2019, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che la disciplina relativa all'attività di spettacolo e quelle ad esse connesse è contenuta nell' articolo 74- quater del decreto IVA, che deroga alla normativa ordinaria in materia IVA relativamente al momento impositivo e alle modalità di certificazione dei corrispettivi. In particolare, le prestazioni spettacolistiche e quelle ad esse accessorie si considerano effettuate nel momento in cui ha inizio l'esecuzione delle manifestazioni, ad eccezione delle operazioni eseguite in abbonamento per le quali l'imposta è dovuta all'atto del pagamento del corrispettivo. Con riferimento, invece, alle modalità di certificazione dei corrispettivi, le prestazioni indicate nella tabella C del decreto IVA sono certificate con il rilascio di un titolo di accesso emesso mediante misuratori o biglietterie automatizzate nel rispetto della disciplina di cui alla legge 26 gennaio 1983, n. 18.

L'Agenzia ha così chiarito che i corrispettivi relativi alle attività spettacolistiche sono esclusi dall'obbligo di trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi in quanto tutti i dati relativi ai titoli di accesso emessi sono già oggetto di separata trasmissione alla SIAE che provvede a metterli a disposizione dell'anagrafe tributaria. Resta, invece, l'obbligo dell'invio telematico dei dati dei corrispettivi relativi alle attività accessorie diverse dai biglietti d'ingresso, tradizionalmente documentati con scontrino o ricevuta fiscale. 

Entrando nel merito, con decreto del MEF del 13 luglio 2000 sono state stabilite le caratteristiche tecniche dei citati misuratori. In particolare, il titolo di accesso deve contenere:

  1. i dati previsti per gli scontrini fiscali dall'articolo 12, commi primo e secondo, del decreto Ministro delle finanze del 23 marzo 1983;
  2. natura dell'attività esercitata,
  3. data e ora dell'evento;
  4. luogo, impianto e sala dell'evento;
  5. numero e ordine di posto;
  6. natura, titolo e ogni altro elemento identificativo dell'evento;
  7. corrispettivo per l'attività di spettacolo;
  8. indicazione di eventuali ingressi gratuiti, riduzioni dei prezzi e relative causali, dicitura "abbonato" ed estremi dell'abbonamento;
  9. ammontare del corrispettivo incassato a titolo di prevendita;
  10. eventuali prestazioni accessorie;
  11. dati del soggetto emittente;
  12. Sigillo fiscale.

Inoltre, l'articolo 4 dello stesso decreto impone l'obbligo di trasmissione dei dati dei corrispettivi alla S.I.A.E. prevedendo che gli strumenti di emissione dei titoli di accesso (misuratori fiscali e biglietterie automatizzate) siano abilitati all'emissione di un prospetto riepilogativo giornaliero da cui risulti, per ciascun evento, tra gli altri:

  • i dati richiesti per lo scontrino di chiusura giornaliera;
  • l'incasso giornaliero, con separata indicazione dell'imponibile, delle aliquote applicabili e delle relative imposte, dell'ammontare incassato a titolo di prevendita e di corrispettivi per eventuali prestazioni accessorie;
  • i corrispettivi relativi agli abbonamenti emessi;
  • il numero degli ingressi effettuati.

Allegato

Risposta interpello 506 del 10.12.2019

Tag: FATTURAZIONE ELETTRONICA 2020 FATTURAZIONE ELETTRONICA 2020 LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI · 02/08/2021 Fatture elettroniche: regime forfettario e agevolazione su termini di accertamento

Il professionista in regime forfettario che emette 1 ft cartacea e poi sana con invio SdI non perde la riduzione di un anno del termine di accertamento

Fatture elettroniche: regime forfettario e agevolazione su termini di accertamento

Il professionista in regime forfettario che emette 1 ft cartacea e poi sana con invio SdI non perde la riduzione di un anno del termine di accertamento

Rimborso IVA a turisti extracomunitari: occorre la consegna della fattura

Non basta il codice di invio in Otello della fattura elettronica per il rimborso IVA al turista extracomunitario ma serve la consegna della stessa

Consultazione e-fatture: adesione prorogata al 30 settembre 2021

Adesione al servizio di consultazione delle fatture elettroniche ulteriormente prorogata al 30 settembre 2021

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.