Rassegna stampa Pubblicato il 19/11/2019

Scontrino elettronico per le vendite giudiziarie al dettaglio

aste giudiziarie beni mobili

Obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi anche per le vendite giudiziarie al dettaglio, in quanto attività non compresa tra quelle esonerate

All''attività di vendita al dettaglio di beni da parte degli istituti vendite giudiziarie si applicano le disposizioni generali fissate dall’articolo 22 del Dpr n. 633/1972, secondo le quali “l'emissione della fattura non è obbligatoria, se non è richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell'operazione: 1) per le cessioni di beni effettuate da commercianti al minuto autorizzati in locali aperti al pubblico, in spacci interni, mediante apparecchi di distribuzione automatica, per corrispondenza, a domicilio o in forma ambulante; ...”.

Da ciò deriva che:

  • fino al 31 dicembre 2019 vi è l'obbligo di emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale di cui all'articolo 12, comma 1 della legge 30 dicembre 1991, n. 413 e al decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1996, n. 696;
  • dal 1° gennaio 2020 - termine anticipato al 1° luglio 2019 per i soggetti convolume d'affari superiore a 400.000 euro - vi è invece l'obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi ai sensi dell'articolo 2, comma 1,del decreto legislativo 5 agosto 2015, n. 127.

Lo ha affermato l’Agenzia delle Entrate con la risposta all'Interpello del 15.11.2019 n. 489, precisando inoltre che l'attività in esame non è ricompresa tra quelle specificamente esentate dagli obblighi di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi, il cui elenco è definito nel DM del 10.05.2019.

La richiesta di chiarimento è pervenuta da un Istituto vendite giudiziarie che si occupa prevalentemente della vendita dei beni delle procedure esecutive e concorsuali, e tra le categorie di beni trattati rientrano anche beni mobili, venduti mediante aggiudicazione in blocco. In merito agli adempimenti fiscali derivanti da queste vendite al dettaglio, l'istituto ha chiesto se fosse tenuto all'obbligo di emissione dello "scontrino elettronico", e di conseguenza obbligato a dotarsi di un registratore di cassa per ogni singola procedura.

Per approfondire ti segnaliamo:

Fonte: Agenzia delle Entrate





Prodotti per Fatturazione elettronica 2020, Circolari - Risoluzioni e risposte a Istanze

 
12,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)