Rassegna stampa Pubblicato il 08/11/2019

Somministrazione di lavoro: serve causale specifica

contratto a termine calendario computer

Ordinanza di Cassazione n. 28285 del 4 novembre 2019. La causale per il contratto in somministrazione a termine deve contenere elementi specifici per la verifica

Per i contratti di somministrazione  a termine  l'indicazione di "punte di intensa attività"  costituisce una causale generica insufficiente . Questo quanto statuito dalla Corte di Cassazione con l’Ordinanza n. 28285 del 4 novembre 2019.

Il caso riguardava un lavoratore che aveva ottenuto dal tribunale la dichiarazione di illegittimità dei contratti di somministrazione a tempo indeterminato intercorsi con  una agenzia per  l' attività prestata in favore di Anas s.p.a., , con la condanna di quest'ultima al pagamento delle retribuzioni maturate dalla cessazione del rapporto,  e il  diritto ad essere inquadrato a livello superiore  con  Contratto Collettivo Nazionale di lavoro applicabile,  con corresponsione delle differenze retributive ed un'indennità risarcitoria commisurata a sei mensilità di retribuzione.

Il tribunale aveva infatti considerato  che la causale apposta al contratto di assunzione del lavoratore ("punte di più intensa attività che non è possibile evadere con risorse normalmente impiegate) non fosse sufficientemente specifica. 

La Corte di appello di L'Aquila,  aveva riformato la sentenza di primo grado   ritenendo tale causale sufficiente . Aveva inoltre accertato dalle risultanze istruttorie l'intensificazione dell'attività nel periodo di riferimento.

La Cassazione invece cassa   su questo punto la sentenza di appello affermando che sulla base degli  art. 20 comma 4, dell'art. 21 comma 1 lett. c) e comma 4 e 'art. 27 comma 1 d.lgs. n. 276 del 2003 ,  per ricorrere alla somministrazione di lavoro a tempo determinato,oltre alla dimostrazione dei picchi di produzione che un’azienda deve fronteggiare , è necessaria anche l’indicazione di elementi di fatto in ossequio dei quali il giudice abbia la possibilità di verificarne l’effettività .  Inoltre  fa riferimento alla necessità  rendere chiaro nel contratto anche al lavoratore la motivazione dell'utilizzo evitando " l'indicazione di circostanze ulteriori non immediatamente percepibili ". 

 Viene respinta  invece  l'obiezione del lavoratore in merito all'inquadramento contrattuale a un livello superiore .  Il Collegio ricorda che alla contrattazione collettiva è demandata la specificazione ed è consentito l'ampliamento delle causali da porre a fondamento di contratti di lavoro somministrato   ma non ad introdurre di divieti ulteriori rispetto a quelli già previsti . Conseguentemente è condivisibile la decisione della Corte di appello nella parte in cui ha ritenuto che fosse inapplicabileil protocollo d'intesa del 26 luglio 2007, richiamato dall'art. 15 del c.c.n.l. che prevedeva un divieto di stipula di contratti di somministrazione in relazione ad alcune categorie di personale.

In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)

Fonte: Corte di Cassazione





Prodotti per La rubrica del lavoro , Lavoro Dipendente, Giurisprudenza

16,25 € + IVA
14,90 € + IVA
64,82 € + IVA
42,24 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)