IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 04/10/2019

Immobile esente ICI classificato male: tributo dovuto

Tempo di lettura: 1 minuto
chiarimenti dubbi

Immobile classificato in modo errato ai fini ICI: il tributo è dovuto fino alla denuncia di variazione. Nuova sentenza della Cassazione

Commenta Stampa

Se il contribuente sbaglia la classificazione ai fini ICI e l'immobile a causa del suo errore rientra in una delle categorie che devono pagare il tributo, l'imposta è dovuta.

Il caso affrontato dalla Corte di Cassazione nella recente sentenza 24279 del 30 settembre 2019 riguarda una SPA che aveva presentato ricorso avverso il diniego di rimborso dell’ICI per l’anno 2009, che essa aveva richiesto al Comune, deducendo che gli immobili di sua proprietà erano stati classificati nella categoria D/8 per un errore del tecnico nonostante l’opera fosse stata dichiarata di pubblica utilità. Detto errore era stato emendato dalla società 3 anni dopo con la presentazione della denuncia di variazione tramite procedura DOCFA, con il passaggio alla categoria da D/8 a E/3 (costruzioni e fabbricati per speciali esigenze pubbliche, esente ICI). Secondo la contribuente l’esenzione che ne consegue avrebbe dovuto trovare applicazione anche per gli anni precedenti. La tesi della SPA è stata respinta sia dalla CTP che dalla CTR, la stessa allora ricorreva per Cassazione.

La Suprema Corte tuttavia ha confermato i precedenti giudizi, chiarendo il principio per cui " Gli immobili erroneamente classificati in una categoria non conforme alla destinazione d’uso, non possono essere esentati da imponibilità ove tale errato classamento sia stato determinato da una omissione del contribuente, che non abbia provveduto a denunciare l’effettivo utilizzo del cespite, non essendo onere dell’ente impositore richiedere all’ufficio competente la modifiche della rendita preesistente nell’ipotesi di negligenza del soggetto per legge onerato. E' infatti onere del contribuente denunciare esattamente la destinazione d’uso, e in caso di errore la rettifica non può estendere i suoi effetti agli anni di imposta in cui l’amministrazione si è regolata sulla base della dichiarazione del contribuente.".

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE