Rassegna stampa Pubblicato il 11/07/2019

Legge 104: licenziamento per mancata assistenza

congedo assistenza anziani

Legittimo il licenziamento del lavoratore che per due giorni su quattro con permesso legge 104 non si reca a fornire assistenza. Cassazione 18411 del 9.7.2019

La Corte di Cassazione nella Sentenza n. 18411 del 9 luglio 2019  ha confermato  la legittimità del licenziamento per giusta causa nei confronti di un lavoratore che utilizzava i permessi accordati a norma della legge 104 1992  abusivamente, come riposo personale, senza recarsi  presso l’anziana alla quale avrebbe dovuto prestare assistenza. 

Il caso era stato definito dalla Corte di appello di Bologna con sentenza n.79 depositata il 19.1.2018, che riconfermava la sentenza del tribunale,    in quanto era stato dimostrato che in due dei 4 giorni di permesso  ex art. 33, comma 3, della legge n. 104 del 1992  di cui aveva goduto,  il lavoratore non si era recato  nella residenza   della   familiare anziana per fornirle assistenza. In risposta alla contestazione disciplinare egli  aveva affermato invece di fornire regolare assistenza "tranne che per alcune ore nella giornata".

La prova dell'utilizzo abusivo dei permessi mensili legge 104 1992 era stato fornito dalla relazione di una agenzia investigativa che aveva osservato come dalle 6.30 alle 21 di ciascuno dei due giorni contestati il lavoratore non era mai uscito di casa. La relazione era stata confermata anche da prove  di testimoni. 

Secondo la corte il provvedimento espulsivo  era giustificato, anche se l'abuso non riguardava tutto il periodo di permesso retribuito   in particolare per il disvalore sociale  ed etico della condotta  del dipendente e la compromissione irrimediabile del vincolo fiduciario  con il datore di lavoro.

Va segnalato che in materia la Cassazione ha offerto interpretazioni contraddittorie sull'utilizzo  dei giorni di permesso retribuito per assistenza ad anziani o disabili . Infatti in passato ci sono state sentenze che hanno interpretato la norma sull'assistenza in maniera molto restrittiva, escludendo ogni  attività  che non fosse la presenza continuativa per assistenza presso il disabile  (Vedi qui il commento e la sentenza CASS. 23891/2018).

In altri casi invece è stato considerato legittimo per il lavoratore utilizzare parte del tempo dei permessi per il ristoro delle energie psicofisiche  o per il disbrigo di incombenze personali, difficilmente realizzabili  nei giorni di lavoro a tempo pieno. 

 La Cass. civ., sez. lavoro nella  Sentenza  n. 29062 del 05 Dicembre 2017   ad esempio ha affermato che  l'assistenza che legittima il beneficio del congedo straordinario  non necessariamente deve  impedire a chi la offre di riservarsi  spazi temporali adeguati alle personali esigenze di vita,  a patto però "che risultino complessivamente salvaguardati i connotati essenziali di un intervento assistenziale che deve avere carattere permanente, continuativo e globale nella sfera individuale e di relazione del disabile" . In quel caso la Corte ha ritenuto illegittimo il licenziamento del lavoratore che era stato trovato in alcune occasioni lontano dall'abitazione materna durante il congedo straordinario retribuito, ottenuto per dare assistenza alla madre disabile.(Vedi qui il commento alla sentenza)

Per approfondire scarica l'e- book "Legge 104 e agevolazioni disabili - 200 risposte a quesiti e casi concreti" di A. Donati (PDF 88 pagine)

Ti puo interessare anche la Guida pratica su " Permessi e congedi  per gravi motivi Legge 104-92 e Legge 53-2000" di C. Vivenzi  (PDF-18 pagg.)

Fonte: Corte di Cassazione




Prodotti per La rubrica del lavoro , Giurisprudenza

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
18,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
26,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,10 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
38,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

32,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
34,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

28,90 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

fino al 10/09/2019


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)