Rassegna stampa Pubblicato il 11/06/2019

Pensioni integrative: nuove regole per la parità di genere

disparità uomo donna

Le prestazioni diversificate per genere nelle forme pensionistiche complementari dovranno basarsi su dati attuariali affidabili - Delibera COVIP 22.5.2019

E' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 5 giugno 2019 la delibera della COVIP, Commissione per la vigilanza sui Fondi pensione che sostituisce la procedente del 2011 applicando le norme del decreto 198 2006 che attua una direttiva europea in materia di discriminazione  di genere in riferimento alle forme pensionistiche complementari.

L'art 1 della delibera vieta  qualsiasi discriminazione diretta  o indiretta tra uomini e donne per quanto riguarda  campo e modalità di applicazione delle forme complementari che, se presenti devono essere rimosse  senza indugio; e prevede  che le pensionistiche complementari collettive  dovranno informare la COVIP in merito alle iniziative adottate per rimuovere le situazioni sussistenti.

Inoltre , l'Art. 3. stabilisce   che nel caso di trattamenti diversificati consentiti   gli enti e le imprese che gestiscono tali forme pensionistiche sono tenute a redigere, in allegato al bilancio tecnico,un’apposita relazione nella quale attestano che l’utilizzo del fattore sesso, nella valutazione dei rischi effettuata ai fini del calcolo delle prestazioni differenziate, trova fondamento in dati attuariali affidabili, pertinenti e  accurati. La relazione deve essere redatta da un attuario. 
Viene anche specificato che  le imprese assicurative che erogano prestazioni in convenzione sono tenute   a trasmettere alla COVIP tale relazione entro tre mesi dalla sottoscrizione  di una nuova convenzione o dal successivo rinnovo;  Le forme che già hanno convenzioni in essere devono provvedere entro tre mesi dalla data di entrata  in vigore del  Regolamento. 

Le forme pensionistiche complementari collettive che rilevino l’utilizzo del fattore sesso, per una o più categorie di prestazioni, non supportato da dati attuariali affidabili,pertinenti e accurati, devono comunicare alla  COVIP, entro 60 giorni dall’accertamento, le  iniziative assunte o che intendono assumere .
La Covip  raccoglierà  sul proprio sito  web le informazioni raccolte e in particolare  su quali forme pensionistiche complementari si avvalgono della facoltà di cui all’art. 30-bis, comma 2,  del decreto n. 198/2006 e i dati relativi  all’utilizzo del sesso quale fattore attuariale determinante nel calcolo delle prestazioni.

Ti puo interessare l'ebook "Il welfare aziendale" di P.Stern et al.

E' disponibile  anche un utile  foglio excel  "Calcolo valore usufrutto e rendite "  aggiornato al 2018  - di A. Pegoraro

Fonte: COVIP





Prodotti per La rubrica del lavoro , TFR e Fondi Pensione

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
18,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
26,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,10 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
38,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

32,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
34,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

28,90 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

fino al 10/09/2019


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)