Rassegna stampa Pubblicato il 22/05/2019

Amministratori condominio nella Cassa Ragionieri?

costituzione e iscrizione imprese sociali nel registro delle imprese

Nel decreto crescita potrebbe trovare posto un emendamento che prevede l'iscrizione alla Cassa ragionieri per gli amministratori di condominio

Gli amministratori di condominio potrebbero doversi iscrivere  alla Cassa ragionieri.  Questo il contenuto di un emendamento al decreto crescita che potrebbe essere presentato  in Commissione alla Camera. Ne da notizia, senza citare le fonti Il Sole 24 ore di ieri. 

La novità trova la sua ragione d'essere ovviamente nel calo di iscritti alla Cassa Ragionieri, che come altre casse professionali è da tempo in crisi. Tutte le professioni  sono in calo negli ultimi anni. E' forse piu noto il caso della Cassa giornalisti INPGI che a causa della crisi dell'editoria su carta incalzata dalle testate online non riesce piu a mantenere l'equilibrio tra entrate contributive e uscite previdenziali . E'  di pochi mesi fa la proposta di aprire le iscrizioni infatti ai comunicatori non iscriti all'ordine dei giornalisti e agli addetti stampa .

Per la Cassa ragionieri il saldo entrate-uscite è  ancora positivo ma  il numero di iscritti dal 2007 al 2018  è calato del 10% passando da 31.607 a 28.776.  

 Per quanto riguarda gli amministratori di condominio attualmente risultano iscritti  per la maggior parte alla gestione separata INPS o Artigiani commercianti se esercitano come società  mentre una piccola parte  fa capo alla Cassa professionale legata alla propria formazione di base (geometri ragionieri, avvocati, architetti e commercialisti). Chi esercita questo lavoro in forma prevalente sono stimati tra i 25 e i 50 mila   mentre i “dopolavoristi” sono almeno 100mila.

A seguito della legge 4 2013 per esercitare l’attività occorre aver svolto la formazione iniziale (80 ore o un’adeguata esperienza pregressa) e quella annuale di 15 ore e possedere i requisiti soggettivi e oggettivi di onorabilità.

L’emendamento in questione, a quanto risulta al Sole 24 Ore, prevederebbe  l’iscrizione obbligatoria a Cassa ragionieri dei «soggetti che esercitano per professione abituale, ancorché non esclusiva, l’attività di amministratore di condominio.

 Viene anche specificato che sarebbero tenuti a passare alla Cassa ragionieri anche  gli  iscritti da «altra forma di previdenza obbligatoria», per i quali però verrebbe  mantenuta l’aliquota contributiva precedente, se maggiore, «a garanzia dell’adeguatezza del trattamento previdenziale». 

Vedi la nostra offerta sempre aggiornata di  e- book  manuali e utilità  sulle tematiche del Lavoro 

Ti puo interessare il volume "Paghe e contributi "di A. Gerbaldi (libro di carta - Maggioli editore) e l'ebook aggiornato "Pensioni 2019" di L. Pelliccia 

Ti potrebbe interessare l’utile foglio Excel Calcolo reddito  del lavoratore  autonomo 2019

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per La rubrica del lavoro , Contributi Previdenziali, Lavoro Autonomo, Il condominio 2019 - Norme civilistiche e fiscali

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse
30,58 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,98 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

14,33 € + IVA

fino al 30/06/2019

prodotto_fiscoetasse
32,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

27,20 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
18,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

15,30 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
26,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

22,10 € + IVA

prodotto_fiscoetasse
38,00 € + IVA

IN PROMOZIONE A

32,30 € + IVA


Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)