HOME

/

FISCO

/

ACCERTAMENTO E CONTROLLI

/

SCISSIONE ASIMMETRICA NON PROPORZIONALE: NESSUN ABUSO

2 minuti, Redazione , 18/10/2018

Scissione asimmetrica non proporzionale: nessun abuso

L'operazione di scissione, effettuata per superare i conflitti tra i soci per la gestione dell'attività, non comporta alcun vantaggio fiscale indebito

In risposta ad un interpello (risposta n. 36/2018) l'Agenzia delle Entrate ha risolto il caso di una società in nome collettivo (snc) immobiliare composta da quattro soci (ciascuno con una quota del 25%) che, per superare i conflitti tra di essi, ha deciso di effettuare una scissione asimmetrica non proporzionale a favore di quattro società a responsabilità limitata unipersonali di nuova costituzione, ciascuna delle quali interamente partecipata da ogni socio. A seguito della scissione l'intero comparto immobiliare della società (costituito da un condominio) verrà destinato alle nuove quattro società, ad eccezione delle unità commerciali per le quali non sono sorte controversie. La società chiede all'Agenzia delle Entrate un parere riguardo alla possibilità che tale operazione possa avere carattere abusivo ai fini delle imposte dirette e dell'imposta di registro.


Secondo l'istante l'operazione di scissione non è abusiva in quanto rappresenta l'unico modo per consentire ai soci di continuare l'attività, considerato il perdurare -da due anni- di una situazione di stallo nella gestione dell'attività a causa dell'incompatibilità delle diverse prospettive imprenditoriali. A seguito della scissione i soci hanno intenzione di continuare a svolgere l'attività d'impresa in piena autonomia, secondo strategie differenti, ognuna finalizzata a massimizzare la redditività degli immobili. A seguito della scissione, inoltre, gli immobili continueranno ad essere locati e non saranno destinati a finalità estranee all'esercizio d'impresa.

Sulla base di tali premesse e visionata la documentazione prodotta dall'istante, l'Agenzia concorda con la società e ritiene che non si possa ravvisare alcun profilo di abuso, né ai fini delle imposte dirette né ai fini dell'imposta di registro. Nell'arrivare a tale conclusione l'Agenzia delle Entrate ricorda, innanzitutto, che l'operazione di scissione è di per sé un'operazione neutrale ai sensi dell'art. 173 del TUIR. Inoltre, sulla base delle affermazioni effettuate dalla società istante, l'Agenzia ritiene che l'operazione descritta nell'interpello non comporti il conseguimento di alcun vantaggio fiscale indebito in quanto trattasi di un'operazione fisiologica a consentire ai quattro soci di proseguire l'attività di gestione degli immobili secondo diverse prospettive imprenditoriali. Ai fini delle imposte dirette, i plusvalori relativi ai componenti immobiliari trasferiti dalla scissa alle beneficiarie concorreranno alla formazione del reddito secondo le regole ordinarie  vigenti al momento in cui tali beni usciranno dalla sfera d'impresa. Ai fini dell'imposta di registro, confermato che tale operazione non costituisce abuso, resta fermo che si dovrà procedere a registrazione con applicazione dell'imposta nella misura fissa di 200 Euro (art. 4 comma 1 lett. b) della Tariffa parte prima allegata al TUR di cui al DPR 131/1986).

Allegato

Risposta interpello n. 36/2018

Tag: ACCERTAMENTO E CONTROLLI ACCERTAMENTO E CONTROLLI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ACCERTAMENTO E CONTROLLI · 11/05/2022 Avvisi bonari: passa da 30 a 60 giorni il termine per il pagamento del dovuto

Novità in arrivo sugli avvisi bonari: passa da 30 a 60 giorni il termine per pagare il dovuto dalle comunicazioni di irregolarità. Lo prevede un emendamento al DL 21/2022

Avvisi bonari: passa da 30 a 60 giorni il termine per il pagamento del dovuto

Novità in arrivo sugli avvisi bonari: passa da 30 a 60 giorni il termine per pagare il dovuto dalle comunicazioni di irregolarità. Lo prevede un emendamento al DL 21/2022

Adempimento collaborativo: cambio di regole e nuovo modello per aderire

Il Provvedimento ADE del 4 maggio cambia il modello per l'adempimento collaborativo

Rateizzazioni cartelle pre-Covid decadute: entro il 30 aprile nuova istanza

Entro il 30 aprile 2022 possibile presentare una nuova richiesta di rateazione dei carichi contenuti nei piani di dilazione decaduti prima dell’8 marzo 2020 per mettersi in regola

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.