Rassegna stampa Pubblicato il 27/09/2018

Onere di conservazione delle fatture elettroniche 2019: scadenza 31/01/2021

dossier fattura elettronica

Può la Pec rappresentare uno strumento per la conservazione della fattura elettronica?

Tra le domande che i contribuenti hanno posto al quotidiano Il sole 24 ore, alcune sono rivolte alla conservazione della fattura elettronica e in particolare qualcuno si è chiesto se la posta elettronica certificata possa rappresentare un valido strumento per la conservazione delle e-fatture.

La conservazione delle fatture elettroniche può avvenire esclusivamente seguendo le regole dettate dal combinato disposto tra il DPCM del 3 dicembre 2013 ed il DM 17 giugno 2014. La conservazione delle fatture elettroniche, così come di altri contenuti che si vogliano conservare con forza legale, deve essere predisposta in uno dei formati previsti dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri appena menzionato.

I documenti informatici rilevanti ai fini tributari devono avere le caratteristiche dell'immodificabilità, dell'integrità, dell'autenticità e della leggibilità, e possono essere conservati in uno dei vari formati previsti; potrebbe essere scelto un formato differente da quelli stabiliti per legge, purché il soggetto responsabile della conservazione motivi la scelta nel manuale di conservazione.

Ritornando sulla possibilità di utilizzare la Pec come strumento atto alla conservazione è opportuno ricordare che la posta elettronica certificata è in grado di attestare esclusivamente l’avvenuta ricezione di un’e-mail e che tale attestazione non si estende al contenuto dell’atto se si tratta di un allegato. Inoltre la Pec non sarebbe in grado di riprodurre la fattura elettronica o qualsiasi altro atto conservando la validità nel tempo del suo contenuto giuridico. Sostanzialmente quindi, pur rappresentando uno strumento complementare nel processo di fatturazione elettronica, ad oggi la pec non può garantirne la conservazione.

Tuttavia, qualora il problema fosse rappresentato solo dalla conservazione della fattura elettronica poiché per la predisposizione e l’invio si è già provveduto, ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione un apposito servizio, del tutto gratuito, per consentire la conservazione delle fatture elettroniche in base alle disposizioni di legge. Per accedervi, è necessario sottoscrivere un accordo di servizio di durata triennale che, se non dovesse essere disdetto, si rinnoverà automaticamente per ulteriori tre anni. L’ Amministrazione finanziaria si impegna a conservare le fatture elettroniche per un periodo di 15 anni a partire dal momento in cui il contribuente o il suo delegato, abbia ottenuto la ricevuta di avvio del servizio elaborata dal sistema.

Infine ricordiamo che la conservazione della fattura elettronica deve avvenire entro il terzo mese successivo a quello di presentazione della dichiarazione dei redditi relativa e quindi per le fatture emesse nel 2019, l’obbligo di conservazione dovrà essere adempiuto entro il 31 gennaio 2021.

Per approfondire ti segnaliamo:

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Fatturazione elettronica 2019

prodotto_fiscoetasse
12,40 € + IVA

IN PROMOZIONE A

10,48 € + IVA

fino al 15/09/2019

prodotto_fiscoetasse
16,25 € + IVA

IN PROMOZIONE A

9,52 € + IVA

fino al 15/09/2019


Commenti

Ma invece di chiedere come conservarle...chiediamo quale strada si può percorrere per abolire questo obbligo astruso. L'Italia per poter istituire l'obbligatorietà della fatturazione elettronica ha dovuto chiedere l'autorizzazione alla Comunità Europea, motivando la necessità con la lotta all'evasione. Ora è chiaro che l'evasione si espleta "non fatturando" per cui ....quelli proprio non li prendi. Altro motivo era l'emersione delle attività cartiere (quelli che fanno le fatture senza vendere niente) ma quelli continueranno ugualmente, anzi...nel marasma che si verrà a creare agiranno con più tranquillità. Rinnovo il mio consiglio: per prendere gli evasori, non affidatevi ai bocconiani, consultatevi con tre impiegate di lungo corso.......potrebbero insegnarvi alcune cosette che nei tomi della Bocconi non si trovano....unica cosa: ve le direbbero in italiano, non in inglese (ma forse così si guadagnerebbe in chiarezza). Rinnovo la domanda: A chi ci possiamo rivolgere per ottenere l'annullamento di tale astruso e costoso obbligo ? Ci sarà una autorità che tutela anche i titolari di partita IVA dai sopprusi dei legislatori !?!.

Commento di Miky (21:39 del 28/09/2018)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)