IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 15/06/2018

E-fattura: possibile registrare il QR code. Probabile rinvio al 01.01.2019

Tempo di lettura: 1 minuto
Fatturazione elettronica

Fatturazione elettronica: da oggi possibile registrare il QR code sul sito delle Entrate. Annunciato doppio binario con la scheda carburante fino al 31.12.2018

Commenta Stampa

Mentre le Entrate cercano di rispettare i termini previsti dalla Legge di bilancio 2018 per l'introduzione della fatturazione elettronica nelle operazioni di carburante tra operatori IVA, il Governo studia il modo per mantenere quanto meno un doppio binario  con la scheda carburante fino alla fine dell'anno. Non sono mancate infatti le polemiche dei benzinai per la previsione, ormai nota, in base alla quale dal 1° luglio 2018 le operazioni sul carburante (benzina, gasolio, gpl) tra soggetti IVA andranno effettuate esclusivamente con fatturazione elettronica. Gli stessi avevano indetto uno sciopero su tutti i distributori autostradali e non per chiedere un rinvio di questo nuovo adempimento. 

Il vicepremier Di Maio, intervistato dal RTL 102.5 il 14 giugno, ha parlato di un rinvio di 6 mesi per l'entrata in vigore di questa novità, a costo quasi zero per lo Stato, mantenendo una sorta di "doppio binario" tra fatturazione elettronica e scheda carburante. 

Nel frattempo ieri, con un comunicato l’Agenzia delle Entrate ha annunciato la possibilità di poter generare il biglietto da “visita digitale”. Da oggi è infatti possibile generare il QRcode e procedere all’indicazione dell’indirizzo telematico atto alla ricezione delle fatture elettroniche. Per fruire di questi due servizi, è necessario accedere nel portale dedicato “Fatture e corrispettivi” attraverso le credenziali

  • Spid,
  • Cns (Carta nazionale dei servizi),
  • Entratel
  • Fisconline.

Per quanto riguarda la generazione del QRcode, sarà possibile procedere anche dall’area dedicata del cassetto fiscale.
Attraverso il servizio di pre-registrazione invece, le imprese e i professionisti possono comunicare “a monte” l’indirizzo telematico su cui ricevere tutte le loro fatture elettroniche. Per effettuare questa scelta - e abbinare quindi alla propria partita Iva un indirizzo di posta elettronica certificata (Pec) o un “codice destinatario” basta accedere, personalmente o tramite un intermediario delegato, all’apposito servizio online, all’interno del portale “Fatture e corrispettivi”.

L’agenzia delle Entrate ci tiene a specificare che tale indirizzo potrà essere cambiato in qualsiasi momento, modificando o cancellando l’utente registrato.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Il Metodo dei Multipli 2021 - GIAPPONE
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - USA
Scaricalo a 15,90 € + IVA
Il Metodo dei Multipli 2021 - GLOBALE
Scaricalo a 15,90 € + IVA

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE