IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 02/08/2018

Onere della prova sul Fisco per le operazioni inesistenti

Tempo di lettura: 1 minuto
Comunicazione liquidazione Iva Modello definitivo approvato

Il fisco deve fornire la prova che l'operazione commerciale è inesistente: a stabilirlo la nuova sentenza della Cassazione

Commenta Stampa

La Cassazione civile nell'Ordinanza n. 11873 del  15 maggio  2018 ha  ribadito  l'orientamento consolidato per cui , in  tema di IVA, qualora l'Amministrazione finanziaria contesti al contribuente l'indebita detrazione di fatture, in quanto relative ad operazioni inesistenti, spetta all'Ufficio fornire la prova che l'operazione commerciale, oggetto della fattura, non è mai stata posta in essere. Il fisco deve anche  indicare gli elementi anche indiziari sui quali si fonda la contestazione.

Resta però onere del contribuente dimostrare la fonte legittima della detrazione o del costo altrimenti indeducibili. A  tal fine, la regolarità formale delle scritture o le evidenze contabili dei pagamenti,  non è sufficiente in quanto si tratta di dati e circostanze facilmente falsificabili.

Nello specifico il caso riguardava una società  accusata di irregolare detrazione dell'IVA dal Fisco , al quale però sia i giudici di primo che di secondo grado avevano dato torto mentre la Suprema Corte ne ha alla fine  accolto  il ricorso. Gli ermellini  rimarcano come la Ctr del Lazio aveva errato  ritenendo  che la regolare contabilizzazione ai fini IVA delle operazioni e del pagamento fosse prova sufficiente per legittimare la detrazione.

Sul punto occorre evidenziare che  anche la Corte di Giustizia  UE, nella sentenza 21 giugno 2012, cause riunite C-80/11 e C-142/11 – dopo aver riaffermato che il diritto alla detrazione costituisce un principio fondamentale nel sistema comune dell’IVA che mira a sgravare interamente l’imprenditore dall’onere dell’imposta dovuta o pagata nell’ambito delle sue attività economiche – ha ribadito che " è compito delle autorità e dei giudici nazionali negare il beneficio del diritto a detrazione ove sia dimostrato, alla luce di elementi oggettivi, che lo stesso diritto è invocato fraudolentemente o abusivamente” .

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31
Gestione fiscale del fondo svalutazione crediti (excel)
In PROMOZIONE a 22,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2022-12-31
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 91,70 € + IVA invece di 130,75 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE