HOME

/

PMI

/

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI

/

FATTURA ELETTRONICA: COSA SUCCEDE IN CASO DI SCARTO

2 minuti, Redazione , 28/05/2018

Fattura Elettronica: cosa succede in caso di scarto

Data di emissione della fattura elettronica scartata e fatture attive transfrontaliere: i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

Secondo il Dpr 633/72 le fatture si distinguono in immediate e differite a seconda del momento in cui vengono emesse. Per le fatture immediate bisogna a sua volta distinguere il momento in cui sorge l’obbligo di emissione che è distinto a seconda che si tratti di cessioni di beni o di prestazioni di sevizi.

  •  Per le cessioni di beni la fattura immediata deve essere emessa nel momento di effettuazione dell’operazione e quindi, al momento della stipulazione di un contratto se si tratta di beni immobili, oppure al momento della spedizione o consegna se si tratta di cessione beni mobili.
  •  Per le prestazioni di servizi invece, l’obbligo di fatturazione nasce nel momento in cui avviene il pagamento.

La fattura differita deve essere emessa entro il 15° giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione purché:

  •  per le cessioni di beni, la consegna o spedizione risulti da un documento di trasporto
  •  per le prestazioni di servizio, vi sia un’idonea documentazione che attesti le prestazioni che sono state svolte nello stesso mese per lo stesso committente.

Ai fini della fatturazione elettronica, la fattura immediata deve essere inviata al Sistema di Interscambio entro le ore 24 del giorno in cui l’operazione si considera effettuata. A questo punto si potrebbero verificare due situazioni:

  1.  la fattura viene accolta dal SdI e quindi viene considerata regolarmente emessa;
  2.  la fattura viene scartata dal SdI a causa di errori formali o stanziali nel file xml.

In quest’ultimo caso la fattura scartata ha comunque una data di emissione inserita nel corpo del file ed al SdI rimane nota della data di spedizione. In considerazione di questi due elementi l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che il contribuente, la cui fattura sia stata scartata dal SdI, potrà inviare nuovamente la fattura corretta entro il termine di cinque giorni e la fattura verrà considerata corretta a tutti gli effetti non incorrendo in alcun tipo di sanzione. In sostanza, la data apposta sulla fattura nel campo «Data» della fattura nella sezione «Dati generali», ha come primo scopo quello di far scattare l’esigibilità dell’imposta e anche, alla fine dei controlli, di costituire la data di emissione della fattura.

Presupposto necessario, affinché tutto vada secondo quanto disciplinato e chiarito dall’Agenzia, è che venga monitorato l’intero percorso a cui la fattura elettronica è soggetta dal momento in cui viene emessa al momento in cui viene accettata dal contribuente passivo; si rende fondamentale inoltre la conservazione di una copia degli esiti che il SdI comunica durante le varie fasi del “processo di fatturazione elettronica”, ovvero quando questa viene presa in carico, scartata e presa in carico nuovamente corretta.

Per quanto riguarda le fatture transfrontaliere, ovvero quelle fatture in cui uno dei due soggetti coinvolti è un soggetto non residente nel territorio dello stato, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che l’obbligo introdotto recentemente, circa la comunicazione mensile che partirà dal 1° gennaio 2019, per le sole fatture attive potrà essere adempiuto per mezzo della trasmissione allo Sdi dell’intera fattura emessa nel formato Xml. Il file xml in questione dovrà ovviamente rispettare le specifiche tecniche richieste e in particolare avrà il campo «codice destinatario» compilato con un codice convenzionale «XXXXXXX».

Tag: FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022 FATTURAZIONE ELETTRONICA 2022 LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LA FATTURA ELETTRONICA NELLA PMI · 28/07/2022 La fattura dell'avvocato: dettagli ed esempi

la fattura dell'avvocato in regime ordinario e forfettario. Alcuni esempi di fatturazione con rimborsi spese

La fattura dell'avvocato: dettagli ed esempi

la fattura dell'avvocato in regime ordinario e forfettario. Alcuni esempi di fatturazione con rimborsi spese

Fatture elettroniche: le regole di emissione volontaria al posto dei corrispettivi

I dati necessari alla fattura elettronica volontaria in sostituzione dei corrispettivi. I chiarimenti delle Entrate

Gli obblighi di autofatturazione vanno assolti in formato Xml con codici TD 17,18,19?

E' obbligatorio assolvere agli obblighi di integrazione/autofatturazione mediante la procedura di trasmissione dei dati tramite file xml con codice documento TD17, TD18 e TD19?

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.