split payment fatturazione soggetti obbligati

Rassegna stampa Pubblicato il 02/05/2018

Fattura elettronica: tutto pronto per partire

Provvedimento, specifiche tecniche e circolare: l'Agenzia delle Entrate inizia a fornire i chiarimenti per spiegare come fare ad affrontare la prima scadenza del 1 luglio 2018

In data 30 aprile 2018 l'Agenzia delle Entrate ha pubblicato il Provvedimento e le Specifiche tecniche per le modalità di emissione della fattura elettronica, nonche la Circolare n. 8/E con tutti i chiarimenti.

La fatturazione elettronica entrerà in vigore per tutti i contribuenti privati dal 1 gennaio 2019 ma per le cessioni di carburanti e subappalti PA la data è anticipata al 1 luglio 2018.

Lo sforzo dell'Agenzia è notevole e tende a rassicurare i contribuenti mettendo a disposizione il sistema per l'emissione della fattura elettronica e la sua conservazione gratuitamente.

Verrà fornito un servizio web e una app dedicata che consentirà al soggetto che emette la fattura anche di acquisire “in automatico” i dati identificativi del cessionario e l’indirizzo telematico tramite un QR-code reso disponibile dall’Agenzia a tutte le partite Iva nell’area autenticata del sito internet.

Le e-fatture viaggeranno in maniera sicura tramite il Sistema di Interscambio (SdI), potranno essere trasmesse, anche tramite intermediari, via posta elettronica certificata oppure utilizzando le stesse procedure web e app; in alternativa, previo accreditamento al SdI, potranno essere inviate tramite un “web service” o per mezzo di un sistema di trasmissione dati tra terminali remoti (FTP).

Sembra tutto facile ma l'impresa non è esente da rischi e costi per le imprese, soprattutto le piccole. Anche se l'Agenzia offrirà gratuitamente i servizi solo leggendo i termini tenici... non si fa fatica a capire che la piccola impresa, il piccolo artigiano o professionista avrà bisogno di un esperto che lo assista, con un aggravio di costi difficilmente quantificabile.

La fattura non potrà quindi piu' essere manuale ma viaggerà solo elettronicamente e in caso di superamento dei controlli minimi su alcuni dati obbligatori della fattura, sarà recapitata - entro 5 giorni - e al soggetto che l'ha inviata verrà fornita una “ricevuta di consegna” del file e solo in quel momento si considererà emessa.

Se la fattura elettronica è destinata a un consumatore finale, un soggetto Iva che rientra nei regimi agevolati di vantaggio o forfettario o dell’agricoltura, la fattura seguirà un percorso diverso e sarà recapitata al destinatario attraverso la messa a disposizione del file in un’apposita area web riservata dell’Agenzia delle Entrate.

Le modalità di trasmissione avverranno attraverso protocolli sicuri su rete internet garantiti dall'Agenzia attraverso un sistema di profilazione, identificazione, autenticazione e autorizzazione dei soggetti abilitati alla consultazione, di tracciatura degli accessi effettuati, con indicazione dei tempi e della tipologia delle operazioni svolte.

La Circolare8/E pubblicata il 30 aprile è dedicata principalmente alle ultime novità in tema di fatturazione e pagamento per la cessione di carburanti interessati dall’e-fattura a partire dal prossimo luglio. Nel documento di prassi vengono, inoltre, forniti primi chiarimenti sull’ambito applicativo delle nuove regole sui contratti d’appalto, rinviando a una prossima circolare ulteriori approfondimenti.

 

Segui tutti gli aggiornamenti nel dossier gratuito dedicato alla Fatturazione elettronica 2018

Fonte: Agenzia delle Entrate





Commenti

Col voto del 4 marzo, gli italiani hanno espresso ANCHE la loro contrarietà alla vessazione messa in atto dal governo uscente. Una vessazione fatta di norme e adempimenti che li rendono sempre più schiavi e dipendenti dalla assistenza di commercialisti e CAF. Tutti questi adempimenti comportano che, oltre ad avere una capacità professionale e/o imprenditoriale, chi decide di fare "impresa" deve obbligatoriamente avere dimestichezza con gli strumenti informatici, deve avere tempo e attrezzature per poter adempiere alle formalità richieste. Io credo che l'obbligatorietà di queste norme sia ANTICOSTITUZIONALE, rivendico la libertà di scegliere la modalità di gestione contabile e fiscale in base alle mie attitudini, conoscenze e attrezzature (sì, anche attrezzature, perchè per poter ottemperare a quanto richiesto saremo tutti costretti a rinnovare periodicamente i nostri PC e i nostri programmi). Purtroppo continuiamo ad essere trattati alla stregua dei vassalli medievali, non essendoci nessuno che, di fatto, rappresernta i nostri interessi in quanto, a cominciare dalle associazioni di categoria (coi loro CAF), tutti traggono un vantaggio economico da queste incombenze.

Commento di Miky (10:12 del 03/05/2018)

CONCORDO ASSOLUTAMENTE IN TOTO. Hanno inventato la madre di tutte le disperazioni

Risposta di maurizio (18:02 del 03/05/2018) al commento di Miky

Follia fiscale che non risolverà i problemi di inadempienza, ma li accrescerà ancora di più generando terrore a ripetizione. Chi ha deciso queste cose non ha mai capito veramente cosa vuole la gente: loro parlano e fanno leggi piene di commi e norme che a volte si sommano tra di loro e si annullano a vicenda. Continuano a lodarsi e celebrarsi vivendo alle nostre spalle, coprendosi il loro futuro con le risorse di tutti i cittadini che sgobbano senza tregua, qualunque cosa venga chiesta avviene il contrario: prima ci fanno tante promesse e sembrano capire i nostri bisogni, poi in segreto elaborano qualcosa di malefico che danneggia tutti mentre loro rimangono sempre esenti dagli eventi. Ormai siamo in una galera mondiale camuffata di pseudo libertà, dove qualcuno continua a vivere tranquillamente senza curarsi di alcunchè, perchè esiste sempre qualcuno che paga il prezzo di queste follie. E' uno spettacolo visto e rivisto più volte, e tutti i cittadini fanno una brutta fine nonostante le apparenze.

Commento di maurizio (19:08 del 03/05/2018)

Del resto avrei da scrivere un romanzo, ma mi limito ad aggiungere una considerazione: il mondo si sta stravolgendo ogni giorno che passa, i cattivi sono diventati buoni ed i buoni sono diventati cattivi con tutti gli accessori.

Risposta di maurizio (19:20 del 03/05/2018) al commento di maurizio

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)