HOME

/

LAVORO

/

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

/

DICHIARAZIONI DEI REDDITI : EROGAZIONI ALLA SCUOLA (SCHOOL BONUS)

3 minuti, Redazione , 27/08/2019

Dichiarazioni dei redditi : erogazioni alla scuola (school bonus)

Credito d’imposta per le erogazioni liberali effettuate in favore degli istituti scolastici: come effettuare i versamenti

Sta per riiniziare la scuola e tra poco gli studenti torneranno fra i banchi di scuola e i genitori si troveranno spesso a sovvenzionare gli istituti. Non tutto il male viene per nuocere, infatti nelle dichiarazioni dei redditi è possibile usufruire del credito d’imposta per le erogazioni liberali effettuate a favore di istituti scolastici nazionali.

In particolare il credito riguarda le erogazioni in denaro a favore degli istituti del sistema nazionale di istruzione effettuate a partire dal 2016, per

  • la realizzazione di nuove strutture scolastiche,
  • la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti,
  • il sostegno a interventi che migliorino l’occupabilità degli studenti.

Il credito d’imposta spetta nella misura del:

  • 65% delle erogazioni liberali effettuate negli anni 2016 e 2017;
  • 50% delle erogazioni liberali effettuate nel 2018.

Le erogazioni liberali sono agevolabili nel limite massimo di 100.000 euro per ciascun periodo d’imposta.

Il credito d’imposta spetta a condizione che le somme siano versate all’entrata del bilancio dello Stato sul capitolo n. 3626, denominato «Erogazioni liberali in denaro per gli investimenti in favore degli istituti del sistema nazionale di istruzione, per la realizzazione di nuove strutture scolastiche, la manutenzione e il potenziamento di quelle esistenti e per gli interventi a sostegno dell’occupabilità degli studenti da riassegnare ad apposito fondo del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, ai sensi dell’art. 1, comma 148, della legge 13 luglio 2015, n. 107», appartenente al capo XIII dell’entrata, codice IBAN:

IT40H0100003245348013362600

I versamenti debbono essere effettuati distintamente per ciascuna istituzione scolastica beneficiaria, nella causale del versamento deve essere riportato, nell'esatto ordine di seguito indicato:

  1. il codice fiscale delle istituzioni scolastiche beneficiarie;
  2. il codice della finalita' alla quale e' vincolata ciascuna erogazione, scelto tra i seguenti:
    1. C1: realizzazione di nuove strutture scolastiche;
    2. C2: manutenzione e potenziamento di strutture scolastiche esistenti;
    3. C3: sostegno a interventi che migliorino l'occupabilita' degli studenti;
  3. il codice fiscale delle persone fisiche o degli enti non commerciali o dei soggetti titolari di reddito d'impresa.

Il credito d’imposta spetta anche per le erogazioni liberali in denaro destinate agli investimenti effettuate in favore delle scuole paritarie, effettuate su un conto corrente bancario o postale intestato alle scuole paritarie beneficiarie stesse, con sistemi di pagamento tracciabili.

Per usufruirne, il credito d'imposta deve essere indicato nella dichiarazione dei redditi relativa al periodo d'imposta nel corso del quale sono effettuate le erogazioni liberali, ed è ripartito in tre quote annuali di pari importo, la quota annuale non utilizzata può essere riportata in avanti senza alcun limite temporale.

Modalità di utilizzo del credito d’imposta

Secondo quanto stabilito dall'art. 4 del Decreto interministeriale del 08/04/2016 del MIUR:

  • le persone fisiche e gli enti che non esercitano attività commerciali fruiscono del credito d'imposta nella dichiarazione dei redditi, ai fini del versamento delle imposte sui redditi;
  • i soggetti titolari di reddito di impresa utilizzano il credito d'imposta  a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello di effettuazione delle erogazioni liberali, soltanto in compensazione, ferma restando la ripartizione in tre quote annuali di pari importo.

Le persone fisiche e gli enti che non esercitano attività commerciali fruiscono del credito d'imposta nella dichiarazione dei redditi, ai fini del versamento delle imposte sui redditi.

Per i soggetti titolari di reddito di impresa il credito d'imposta è utilizzabile, ferma restando la ripartizione in tre quote annuali di pari importo, a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello di effettuazione delle erogazioni liberali, esclusivamente in compensazione mediante il modello F24 utilizzando il codice tributo “6873”.

Tag: DICHIARAZIONE 730/2022: NOVITÀ DICHIARAZIONE 730/2022: NOVITÀ REDDITI PERSONE FISICHE 2022 REDDITI PERSONE FISICHE 2022 ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI ONERI DEDUCIBILI E DETRAIBILI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

ASSEGNI FAMILIARI E AMMORTIZZATORI SOCIALI · 10/05/2022 GOL: ecco le linee guida ANPAL per i Centri per l'Impiego

Cosa prevede l'attesa delibera ANPAL sui servizi dei CPI per attuare la Garanzia di occupabilità GOL.Testo e allegati. Metodi di valutazione, standard di servizio, durata e costi

GOL:  ecco le linee guida ANPAL per i Centri per l'Impiego

Cosa prevede l'attesa delibera ANPAL sui servizi dei CPI per attuare la Garanzia di occupabilità GOL.Testo e allegati. Metodi di valutazione, standard di servizio, durata e costi

CIGO nuove causali legate alla crisi Ucraina

DM 67/2022: La guerra Russia -Ucraina inserita tra le motivazioni di crisi aziendale (crisi di mercato o mancanza di materie prime) che da diritto alla cassa integrazione

Contratti solidarietà 2020:  elenco aziende e istruzioni per lo sgravio

Elenco aziende ammesse allo sgravio contributivo per i contratti di solidarietà 2020. Conguaglio entro il 16.7.2022. Compilazione uniemens Circolare INPS n. 55 del 29 aprile 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.