IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 12/04/2018

Assegno di divorzio: si cambia?

Tempo di lettura: 1 minuto
cassazione-studi-settore

Le Sezioni unite della Cassazione ridiscutono i criteri per la determinazione dell'assegno divorzile: autosufficienza ma anche durata del rapporto e tenore di vita hanno un peso

Commenta Stampa

Sulla determinazione dell'assegno di divorzio la Corte di Cassazione sta cercando in questi giorni un punto di vista univoco  discutendone a Sezioni Unite.

Come noto una rivoluzionaria sentenza dell'anno scorso n. 11504 2017, nota come sentenza Grilli,  aveva affermato che il principio del mantenimento del tenore di vita precedente  per il coniuge economicamente piu debole non sarebbe dovuto entrare nella valutazione dei giudici, lasciando spazio invece al criterio della valutazione della autosufficienza delle due parti in causa. Si affermava infatti che se il divorzio annulla tutti gli effetti del matrimonio, non ha senso fare riferimento a quello stesso periodo nella valutazione  delle nuove disposizioni.

La decisione ha provocato moltissimi ricorsi per la rivalutazione degli assegni calcolati con il precedente sistema, che era maggioritario nella giurisprudenza in quanto avallato dalle Sezioni Unite nel 1990.

Nella requisitoria del sostituto procuratore Matera nella riunione di ieri , sembra ci sia un leggero passo indietro in quanto si raccomanda un bilanciamento delle diverse istanze  a livello di principio oltre che una attenta valutazione di ogni caso concreto . Il procuratore ha affermato che "Si può anche convenire sul fatto che il criterio dell’autosufficienza può essere preso come parametro di riferimento, ma non si può escludere di rapportarsi anche agli altri criteri stabiliti dalla legge quali la durata del matrimonio, l’apporto del coniuge al patrimonio familiare, il tenore di vita durante il matrimonio».
Per l'esito della valuzione e le motivazioni  si dovra attendere almeno un mese.
Il  principio  del tenore di vita precedente è stato  considerato non più attuale dalla prima sezione nella sentenza Grilli  I giudici, in maniera inusuale  hanno preso la decisione   senza chiamare in causa nuovamente le Sezioni Unite  senza cioè applicare le norme del Codice di procedura in base alle quali «se la sezione semplice ritiene di non condividere il principio di diritto enunciato dalle Sezioni unite, rimette a queste ultime, con ordinanza motivata, la decisione del ricorso». 

Anche per questo è stato richiesto dalla  Procura generale della Corte un nuovo pronunciamento della Cassazione in assise comune.

Leggi anche lo Speciale  Assegno di Divorzio e natura assistenziale  di F. Guariniello

In materia vedi la nostra sezione di testi di Diritto civile, separazione e Divorzio (Libri di Carta - Maggioli editore) 

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Consolidato nazionale 2021 (excel)
In PROMOZIONE a 64,90 € + IVA invece di 74,90 € + IVA fino al 2021-03-02
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE