HOME

/

PMI

/

BANCHE E IMPRESE

/

PRESTAZIONI BANCHE DEPOSITARIE DI OICR: MODIFICATA PERCENTUALE IMPONIBILITÀ IVA

1 minuto, Redazione , 10/04/2018

Prestazioni banche depositarie di OICR: modificata percentuale imponibilità IVA

Risoluzione dell’Agenzia delle entrate in cui viene chiarito che l’imponibilità IVA delle prestazioni di banche depositarie vanno conteggiate diversamente.

Chiarimenti sul complesso tema della percentuale di imponibilità IVA delle prestazioni rese da banche depositarie di OICR verso società di gestione del risparmio nella Risoluzione 26/e del 6 aprile 2018.

In particolare, alcune associazioni hanno presentato un’istanza di consulenza giuridica per avere delucidazioni sul regime IVA applicabile ai corrispettivi delle prestazioni rese dalle Banche depositarie di OICR nei confronti delle società di gestione del risparmio (SGR). Sul tema, l’Agenzia si era pronunciata con la risoluzione n. 97/E del 17 dicembre 2013, in cui - a seguito di un’articolata attività di indagine - si era stabilito che nel caso di corrispettivo unitariamente pattuito a fronte dei diversi servizi (imponibili ad IVA ed esenti da imposta) resi dalla banca depositaria, l’incidenza delle prestazioni imponibili potesse essere quantificata nella misura percentuale del 28,3% del corrispettivo stesso.
Tuttavia il D.Lgs. n. 71 del 2016 ha modificato la normativa e la percentuale di imponibilità del 28,3 non è più adeguata a quantificare le attività imponibili ad IVA rispetto al totale della attività prestate indistintamente dalle banche depositarie; tale percentuale, infatti, è frutto dell’analisi che includeva nella forfetizzazione anche il calcolo del NAV, secondo il modello dell’affidamento (servizio oggi escluso da tale modello).
Il documento di prassi termina chiarendo che gli operatori devono attivarsi, nel rispetto del mutato quadro normativo,

  • per un tempestivo adeguamento delle convenzioni già esistenti tra le varie banche depositarie e le SGR,
  • per redigere correttamente nuove convenzioni, identificando in modo specifico i diversi servizi e il regime IVA cui gli stessi debbono essere assoggettati.

In ogni caso, in considerazione della situazione di incertezza normativa, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per il periodo d’imposta 2017 ricorre l’esimente di cui all’articolo 6, comma 2, del D. Lgs 472/97 e non si rendano pertanto irrogabili le sanzioni amministrative.

Forse potrebbe esserti utile l'interessantissimo libro "Come difendersi dalla centrale rischi e dal default del conto corrente" a cura di Marcella Caradonna pubblicato da Maggioli Editore

Allegato

Risoluzione 26/E 6.4.2018

Tag: BANCHE E IMPRESE BANCHE E IMPRESE

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

BANCHE E IMPRESE · 24/11/2021 Brexit: cosa cambia per pagamenti e investimenti

ABI fornisce alcuni chiarimenti sui dubbi più frequenti di chi intrattiene rapporti con il Regno Unito dopo la Brexit: vediamo una sintesi

Brexit: cosa cambia per pagamenti e investimenti

ABI fornisce alcuni chiarimenti sui dubbi più frequenti di chi intrattiene rapporti con il Regno Unito dopo la Brexit: vediamo una sintesi

Cessione quinto 2021: i tassi dal 1 ottobre

Tassi aggiornati per il IV trimenstre 2021 per la cessione del quinto delle pensioni. Messaggio INPS n. 3341 del 5 ottobre 2021

Moratoria crediti PMI al 31.12.2021: debitori non classificabili "in sofferenza"

Moratoria crediti PMI: non verrà segnalato nessun ritardo e il debutore non può essere classificato a sofferenza. Il chiarimento nella risposta all'interrogazione parlamentare

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.