IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 10/04/2018

Prestazioni banche depositarie di OICR: modificata percentuale imponibilità IVA

Tempo di lettura: 1 minuto
Banca168x126

Risoluzione dell’Agenzia delle entrate in cui viene chiarito che l’imponibilità IVA delle prestazioni di banche depositarie vanno conteggiate diversamente.

Commenta Stampa

Chiarimenti sul complesso tema della percentuale di imponibilità IVA delle prestazioni rese da banche depositarie di OICR verso società di gestione del risparmio nella Risoluzione 26/e del 6 aprile 2018.

In particolare, alcune associazioni hanno presentato un’istanza di consulenza giuridica per avere delucidazioni sul regime IVA applicabile ai corrispettivi delle prestazioni rese dalle Banche depositarie di OICR nei confronti delle società di gestione del risparmio (SGR). Sul tema, l’Agenzia si era pronunciata con la risoluzione n. 97/E del 17 dicembre 2013, in cui - a seguito di un’articolata attività di indagine - si era stabilito che nel caso di corrispettivo unitariamente pattuito a fronte dei diversi servizi (imponibili ad IVA ed esenti da imposta) resi dalla banca depositaria, l’incidenza delle prestazioni imponibili potesse essere quantificata nella misura percentuale del 28,3% del corrispettivo stesso.
Tuttavia il D.Lgs. n. 71 del 2016 ha modificato la normativa e la percentuale di imponibilità del 28,3 non è più adeguata a quantificare le attività imponibili ad IVA rispetto al totale della attività prestate indistintamente dalle banche depositarie; tale percentuale, infatti, è frutto dell’analisi che includeva nella forfetizzazione anche il calcolo del NAV, secondo il modello dell’affidamento (servizio oggi escluso da tale modello).
Il documento di prassi termina chiarendo che gli operatori devono attivarsi, nel rispetto del mutato quadro normativo,

  • per un tempestivo adeguamento delle convenzioni già esistenti tra le varie banche depositarie e le SGR,
  • per redigere correttamente nuove convenzioni, identificando in modo specifico i diversi servizi e il regime IVA cui gli stessi debbono essere assoggettati.

In ogni caso, in considerazione della situazione di incertezza normativa, l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che per il periodo d’imposta 2017 ricorre l’esimente di cui all’articolo 6, comma 2, del D. Lgs 472/97 e non si rendano pertanto irrogabili le sanzioni amministrative.

Fonte: Agenzia delle Entrate


1 FILE ALLEGATO:
Risoluzione 26/E 6.4.2018

Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-30
Credito imposta affitto immobili - DL Rilancio e Agosto
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 21,90 € + IVA fino al 2021-12-31
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE