IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 26/02/2018

Certificazione Unica 2018: entro il 7 invio telematico novita' affitti brevi

Tempo di lettura: 2 minuti
locazioni brevi codice tributo ritenuta

Entro il 7 marzo 2018 deve essere trasmesso all'Agenzia delle Entrate il modello di CU 2018 Ordinario con le ritenute dipendenti e autonomi. Novità della ritenuta sugli affitti brevi

Commenta Stampa

I sostituti d’imposta devono compilare le Certificazioni Uniche 2018 relative ai redditi di lavoro dipendente, ai redditi di lavoro autonomo e ai redditi diversi per il periodo d'imposta 2017. La Certificazione Unica come l'anno scorso si presenta in duplice veste:

  • la Certificazione Unica Sintetica, ossia una versione semplificata della certificazione da consegnare al percipiente (lavoratore dipendente, collaboratore coordinato e continuativo, tirocinante, lavoratore autonomo, collaboratore occasionale, ecc.) a cura del datore di lavoro entro il 31.3.2018 oppure entro 12 giorni dalla richiesta degli stessi in caso di interruzione del rapporto di lavoro;
  • la Certificazione Unica Ordinaria, ossia la versione implementata della certificazione, che deve essere trasmessa all’Agenzia delle Entrare entro il 7 marzo 2018, in via telematica. La trasmissione puo' slittare fino al 31 ottobre 2018 se la certificazione contiene esclusivamente redditi esenti o non dichiarabili mediante la dichiarazione dei redditi precompilata.

Tra le novità di quest'anno si segnala in particolare il nuovo prospetto per le locazioni brevi, inserito per indicare i dati dei contratti di locazione breve e delle ritenute effettuate sui compensi ricevuti. Si precisa che per "contratti di locazione breve" si intendono i contratti instaurati tra persone fisiche, aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo, di durata non superiore a 30 giorni, non soggetti a registrazione. La locazione avviene tramite il locatore o tramite l'ausilio di intermediari immobiliari, compresi anche i portali online. I redditi derivanti da tali tipologie di locazioni (per i contratti stipulati dall'1.6.2017) sono soggetti ad un regime opzionale che prevede l'applicazione della cedolare secca al 21%, in luogo degli ordinari scaglioni IRPEF. L'intermediario che interviene nel pagamento dei canoni/corrispettivi derivanti dalla locazione deve operare una ritenuta del 21% all'atto del pagamento al beneficiario, che si considera 

  • a titolo d'imposta se si applica la cedolare
  • a titolo d'acconto se si utilizza il sistema ordinario Irpef.

Per i contratti:

  • relativi alla stessa unità immobiliare;
  • stipulati dal medesimo locatore;

i dati possono essere esposti in forma aggregata.

Le istruzioni del modello CU precisano che:

  • se il corrispettivo percepito si riferisce a due periodi d'imposta (sia al 2017 che al 2018) vanno compilati 2 distinti righi dove, nel primo vanno indicati i giorni di locazione nel 2017 (e non va barrato il campo 4 “2018”), nel secondo vanno indicati i giorni di locazione nel 2018 e va barrato il campo 4 “2018”;
  • ai fini della compilazione della CU si utilizza il principio di cassa (a fronte di un reddito percepito nasce l'obbligo di versamento delle ritenute e di rilascio della CU) ma i redditi derivanti da locazione breve costituiscono:
    • redditi fondiari per il locatore proprietario/titolare di un diritto reale sull’immobile, per i quali si applica il principio di competenza;
    • redditi diversi per il locatore comodatario/sublocatore, per i quali va applicato il principio di cassa.

Sarà pertanto necessario coordinare il principio di cassa seguito nella compilazione della CU con la natura dei redditi percepiti.

Per approfondire leggi l'articolo Dichiarazione dei redditi 2018: la novità delle locazioni brevi

Per aggiornamenti, notizie e approfondimenti segui il Dossier Locazioni immobili 2018

Compra il Pacchetto Tutto locazioni contenente 2 ebook sulle locazioni abitative e locazioni brevi, 1 file excel per il calcolo della convenienza della cedolare e Formule

Potrebbe interessarti Contratto.Cloud un software che ti aiuta a gestire i contratti di locazione e gli immobili in affitto. Scegli l'opzione più adatta alle tue esigenze.

 

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra
 Norma Norma - 26/03/2018
Buongiorno, il proprietario al quale viene corrisposto nel 2018 il corrispettivo della locazione per contratto stipulato nel 2017, riceverà la CU nel 2019. Come compilerà la dichiarazione dei redditi relativi al periodo d'imposta 2017? Quando andranno dichiarati i redditi da locazione 2017? E quando sconterà la ritenuta versata nel 2018 per affitti del 2017? Grazie a chi mi saprà rispondere.
Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE