IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 23/02/2018

Telefisco 2018: spese in quote quinquennali anche con il regime di cassa

Tempo di lettura: 1 minuto
168x126_registratore_di_cassa

Spese di manutenzione eccedenti il limite, plusvalenze da cessioni di beni: rinviabili in quote costanti anche nel regime di cassa.

Commenta Stampa

L’articolo 1, commi da 17 a 23, della legge di bilancio 2017 (L.232/2016) ha modificato le regole di determinazione della base imponibile IRPEF e IRAP per le imprese minori in contabilità semplificata, razionalizzando, contestualmente, i relativi adempimenti contabili. Il nuovo regime si applica dal periodo di imposta 2017.

Al fine di evitare salti/duplicazioni di tassazione in caso di passaggio dal principio di cassa al regime ordinario (contabilità ordinaria), e viceversa: “i ricavi, i compensi e le spese che hanno già concorso alla formazione del reddito … non assumono rilevanza nella determinazione del reddito degli anni successivi”. La predetta disposizione è finalizzata ad evitare che il passaggio da un regime di competenza ad un regime di cassa possa determinare anomalie in termini di doppia tassazione/deduzione ovvero nessuna tassazione/deduzione di alcuni componenti reddituali.

Pertanto, ove un componente reddituale – per il quale sia mutato il criterio di imputazione temporale in occasione del cambio di regime – abbia già concorso alla determinazione del reddito in applicazione delle regole previste dal regime di “provenienza”, lo stesso non concorrerà alla formazione del reddito dei periodi di imposta successivi, ancorché si siano verificati i presupposti di imponibilità/deducibilità previsti dal regime di “destinazione”. Nel corso di Telefisco 2018 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che tale principio si applica alle:

  • quote delle plusvalenze di beni strumentali, realizzate ante 2016 e rinviate ai periodi di imposta successivi, le quali continuano a concorrere alla formazione del reddito con le stesse modalità previste dal comma 4 dell’articolo 86 del Tuir, in maniera del tutto analoga a quanto avviene per le plusvalenze realizzate in costanza del regime di cui all’articolo 66 del Tuir, che è stato definito un regime “misto” cassa-competenza;
  • spese di manutenzione ordinaria sostenute ante 2016 (eccedenti i limiti del comma 6 dell’articolo 102 del Tuir), la cui deduzione è stata rinviata nei periodi di imposta successivi, e che continuano a concorrere alla formazione del reddito secondo quanto previsto dal citato comma 6, in quanto il passaggio al regime di cassa non altera la deducibilità dell’eccedenza in quote costanti nei cinque esercizi successivi a quello di competenza;
  • eccedenze delle spese di manutenzione ordinaria sostenute successivamente al 2016 le quali sono deducibili secondo il criterio di cassa.

Ti segnaliamo la recente circolare del giorno di approfondimento I chiarimenti di Telefisco per il regime di cassa disponibile anche nell'abbonamento annuale

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2020-12-31
Superbonus 110 per cento: calcolo del beneficio (Excel)
In PROMOZIONE a 59,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-20
Sospensioni fiscali - Calcolo rate (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 24,90 € + IVA fino al 2020-10-01
Usura Extra 2020 - Calcolo usura con perizia automatica
In PROMOZIONE a 53,20 € + IVA invece di 61,48 € + IVA fino al 2021-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE