HOME

/

LAVORO

/

LA RUBRICA DEL LAVORO

/

APE VOLONTARIO: LE ISTRUZIONI A BANCHE E ASSICURAZIONI

2 minuti, Redazione , 20/02/2018

Ape volontario: le istruzioni a banche e assicurazioni

Le istruzioni per l'adesione degli istituti finanziatori che sarà resa operativa entro trenta giorni dall'Inps. Messaggio INPS n. 737 2018

L'Inps ha emanato un nuovo messaggio ( n. 737-2018) in materia di anticipo pensionistico APE , riferito in particolare  alla presentazione della domanda , successivamente alla certificazione dei requisiti.

Nella circolare di istruzioni 28-2018 è stato precisato che i “soggetti in possesso della certificazione del diritto all’APE possono presentare la domanda di APE all’istituto finanziatore, per il tramite dell’INPS, mediante l’uso dell’identità digitale SPID almeno di secondo livello.” I  finanziatori e le imprese assicurative vanno  scelti tra quelli che aderiscono agli accordi-quadro  stipulati  tra il Ministro dell'economia e delle finanze e il Ministro del lavoro e delle politiche sociali e, rispettivamente, l'Associazione bancaria italiana e l'Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici e altre imprese assicurative primarie.

Gli istituti finanziatori e le imprese assicuratrici devono dunque comunicare al piu presto per iscritto all’Inps la propria adesione ai rispettivi accordi quadro,  mediante un apposito modulo allegato all’accordo stesso. Il modulo, compilato in ogni sua parte, dovrà essere inviato all’indirizzo di posta elettronica certificata della Direzione centrale pensioni dell’Inps, [email protected], indicando nell’oggetto:

“Adesione Istituto finanziatore anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE) per le banche oppure

“Adesione Impresa assicuratrice anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)” per le imprese assicuratrici.

L’Inps  si impegna a rendere operativa l’adesione entro 30 giorni dalla data di ricezione della stessa.

E' previsto anche che  gli istituti finanziatori  e le imprese assicuratrici possano recedere dall’accordo quadro,  nel qual caso devono comunicarlo  all’INPS e per conoscenza all’ABI o all'ANIA. Tale recesso non produce effetti sulle operazioni di finanziamento perfezionate prima della sua data di efficacia .

La comunicazione di recesso deve essere inviata all’indirizzo di posta elettronica certificata della Direzione centrale pensioni dell’Inps, [email protected], indicando nell’oggetto “Recesso Istituto finanziatore anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)” oppure “Recesso impresa assicuratrice  anticipo finanziario a garanzia pensionistica (c.d. APE)”

Le comunicazioni di recesso pervenute all’INPS entro il giorno 15 del mese,  hanno effetto a partire dal primo giorno del mese successivo; quelle pervenute all’INPS dopo il giorno 15 del mese hanno effetto a partire dal primo giorno del secondo mese successivo a quello di comunicazione.

Segui il Dossier "Come cambiano le pensioni le novità 2017-2018"

Ti puo interessare l'aggiornatissimo e-book Pensioni 2018 di L. Pelliccia 

E' disponibile anche il completo manuale Previdenza 2017 (libro di carta - 262 pagine - Maggioli Editore )

 

Tag: LA RUBRICA DEL LAVORO LA RUBRICA DEL LAVORO PENSIONI: LE NOVITÀ 2022 PENSIONI: LE NOVITÀ 2022

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

LE RIFORME DEL GOVERNO DRAGHI · 23/05/2022 Fondo nuove competenze 2022: il decreto riduce l'aliquota

In arrivo il decreto attuativo dopo il rifinanziamento delle agevolazioni per la formazione dei lavoratori "Fondo Nuove competenze". Vediamo le novità

Fondo nuove competenze 2022: il decreto riduce l'aliquota

In arrivo il decreto attuativo dopo il rifinanziamento delle agevolazioni per la formazione dei lavoratori "Fondo Nuove competenze". Vediamo le novità

Premi produttività nei gruppi aziendali: nuovi chiarimenti

Non è sufficiente il raggiungimento da parte del Gruppo dell'obiettivo ai fini della detassazione dei premi. E serve anche l'accordo sindacale Interpello Agenzia n. 265/2022

Subappalti: obbligo  applicazione CCNL  non retroattivo

Dubbio retroattività per le norme sull'applicazione dei CCNL dei contraenti chiarito dall'INL nella circolare 1049 del 19.5. 2022

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.