IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 20/12/2017

Omesso acconto IVA. Nessuna responsabilità se mancano i fondi

Tempo di lettura: 1 minuto
donare ai figli ingenti somme di denaro

Omesso e ritardato pagamento, nessuna responsabilità in caso di forza maggiore. La Cassazione spiega come difendersi in giudizio

Commenta Stampa

Quando il contribuente non ha liquidità sufficiente per adempiere al pagamento dell’acconto IVA, ove provi in modo eccepibile la straordinarietà della circostanza ad esso non imputabile, potrebbe non andare incontro a sanzioni tributarie per assenza di responsabilità penale.

In tal senso la Corte di Cassazione con sent. n. 22153/2017 si è espressa confermando la tesi della giurisprudenza precedente.

Il caso ha riguardato l’omesso versamento, da parte di un contribuente, dell’acconto IVA relativo all’anno di imposta 2016, causato dal fatto che il contribuente stesso non avesse disponibilità di fondi per adempiere al pagamento richiesto. Sulla scia di quanto già anticipato negli anni dalla giurisprudenza della stessa Corte, l’omesso versamento causato da assenza di liquidità, non costituirebbe un caso di evasione, perché in tale circostanza il contribuente sarebbe mosso dal cd. dolo generico (ossia l’intenzione di realizzare la condotta che la norma del codice penale sanziona). Fermo restando che, a livello amministrativo, sarebbe da confermarsi l’applicabilità della sanzione del 30% di quanto non corrisposto o versato in ritardo.

Sul tema la Corte di Cassazione con sent. 22153/2017, anche sulla base della norma del codice penale italiano che prevede la non punibilità (a favore di un soggetto) quando il fatto sia commesso a seguito di caso fortuito o forza maggiore (ex art. 45 cp), ha chiarito gli elementi che il contribuente è chiamato ad addurre per una idonea difesa della sua posizione.

In tal senso e secondo il parere della Corte di legittimità:

- il giudice, sarà tenuto a valutare tutte le circostanze legate al singolo caso concreto.

- il contribuente:

  • dovrà dimostrare che la forza maggiore, che giustifica l’assenza di una sua responsabilità, sia dovuta ad una situazione anomala ovvero estranea al controllo del contribuente (quindi non ad un’impossibilità assoluta);
  • dovrà dimostrare di aver predisposto preventivamente dei mezzi che fossero idonei e sufficienti, ma non eccessivamente gravosi per lo stesso, per fronteggiare la circostanza inaspettata.

Ti potrebbero interessare i seguenti ebook:

Contraddittorio endoprocedimentale preventivo

Guida pratica alla redazione di un ricorso tributario

e tutti di altri ebook della collana Difendersi dal Fisco

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Quadro RG e Irap 2021 ditte individuali in semplificata
In PROMOZIONE a 17,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Elementi contabili ISA 2021 (Excel)
In PROMOZIONE a 18,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2021-03-31
Impairment test OIC 9 - perdite durevoli (Excel)
In PROMOZIONE a 49,90 € + IVA invece di 57,30 € + IVA fino al 2021-03-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE