HOME

/

FISCO

/

CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021

/

CTR 2017: NULLO L'AVVISO DI ACCERTAMENTO SCARSAMENTE MOTIVATO

2 minuti, Redazione , 24/11/2017

CTR 2017: nullo l'avviso di accertamento scarsamente motivato

E' nullo l'avviso di accertamento che l'Agenzia delle Entrate non motiva con chiarezza. A dirlo è la CTR calabrese con la sentenza dell'agosto 2017

Nulla la cartella di pagamento che non sia stata motivata con chiarezza. Così la Commissione Tributaria Regionale per la Calabria, ha motivato la sentenza n. 2543 del 19/08/2017.

Il caso ha visto un contribuente, esercente attività di agriturismo, contrapporsi all’avviso di accertamento, relativo ad IRPEF, IRAP ed IVA per l’anno d'imposta 2005, emesso dall’Agenzia delle entrate locale; secondo il contribuente, l’avviso di accertamento sarebbe dovuto esser considerato nullo perché:

- l’Agenzia delle Entrate si sarebbe costituita tardivamente, ossia oltre il sessantesimo giorno dalla notifica dell’appello da lui proposto;
- sussisterebbe un difetto di legittimazione alla costituzione del firmatario dell’avviso di accertamento, il cui nominativo rientrerebbe tra i 767 funzionari la cui qualifica di dirigente è stata dichiarata nulla dal TAR Lazio con le sentenze n.6884/2011 e n. 7636/2011;
- l’Agenzia delle Entrate, avendo realizzato un’indagine poco approfondita, avrebbe scarsamente motivato l’avviso di accertamento;

L'Agenzia delle Entrate resisteva in giudizio, sostenendo la legittimità dell’avviso e contestando singolarmente tutte le eccezioni formulate dal ricorrente, sulla base del fatto che il contribuente:

- per il periodo d’imposta 2005, avrebbe presentato la sola comunicazione dei dati IVA e omesso di presentare la dichiarazione dei redditi 2006;
- dall’acquisizione e verifica della documentazione contabile e fiscale sarebbe emersa la non corrispondenza con i dati della comunicazione IVA, evidenziando così un’irregolare contabilità.

Conseguentemente a quanto rilevato, l’Agenza delle entrate concludeva osservando che «...Il sistema della detrazione forfettaria invocata dal ricorrente, titolare di un agriturismo non poteva trovare applicazione in presenza di omessa dichiarazione fiscale…»

La seconda sezione della CTR per la Calabria, chiamata a pronunciarsi sul caso, con la la sentenza n. 2543 del 19/08/2017:

- rigetta l’eccezione sollevata dal ricorrente in merito al difetto di legittimazione. Secondo la CTR infatti, la questione legata alla nullità di accertamento per il solo difetto di firma del dirigente dell’ufficio emittente, sarebbe ormai superata e chiarita da numerose pronunce;
- accoglie l’eccezione sollevata dal ricorrente in merito alla scarsità della motivazione allegata all’avviso di accertamento e dichiara pertanto nullo l’avviso di accertamento, poiché:

  • l'Ufficio accertatore avrebbe motivato l'atto impositivo solo sulla base di discordanze tra i dati dalla documentazione, contabile e fiscale, acquisita in sede di verifica, nonché quelli esposti nella comunicazione IVA annuale, senza però indicare quali fossero tali discrasie e quali invece i dati corretti. Le anomalie riscontrate dall'Ufficio sarebbero inoltre genericamente richiamate in separati atti e pronunce, rispettivamente dall'Agenzia delle Entrate e dai giudici di prime cure, ma non altrettanto specificatamente provate;
  • l'Ufficio ha soltanto richiamato uno generico stereotipato di irregolarità contabile, fondando l'accertamento su un’approssimativa applicazione combinata dell’art.39 comma 2 e dell’art.41, senza tener conto delle diverse normative di riferimento delle singole imposte (europea e nazionale ), ed avendo ingiustificatamente considerato l'attività di agricoltura (in senso stretto) e quella di agriturismo come un’attività unica, facendole entrambe ricadere nella sfera di un unico trattamento fiscale, in violazione di quanto invece previsto dalla normativa vigente.

Ti potrebbero interessare gli ebook pubblicati nel Focus Difendersi dal Fisco

Nella raccolta di ebook puoi trovare

Contraddittorio endoprocedimentale preventivo

Conciliare col Fisco - Formulario commentato

Per Guide Pratiche, Software e altri contributi visita la sezione Accertamento e Contenzioso nel nostro Business Center 

Tag: CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021 CONTENZIOSO TRIBUTARIO E PROCESSO TELEMATICO 2021

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMPRESE E LAVORO NEL MONDO · 29/11/2021 Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Con la cancellazione della società si estinguono le sanzioni amministrative tributarie

La Corte di Cassazione ribadisce il principio dell’intrasmissibilità ai soci e ai liquidatori delle sanzioni tributarie riferite a una società cancellata dal Registro delle imprese

Aiuti de minimis e anomalie IRAP 2019: comunicazioni in arrivo

Modello IRAP 2019: al via le comunicazioni per la promozione dell’adempimento spontaneo nei confronti dei beneficiari di aiuti in regime generale “de minimis”.

Accertamento previdenziale legittimo solo se è definitivo quello fiscale

L’accertamento di un maggior reddito può generare una pretesa sia fiscale che previdenziale, una subordinata all’altra, ma indipendenti in sede di contenzioso.

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.