Rassegna stampa Pubblicato il 24/10/2017

Cumulo contributivo: per le Casse operatività ancora lontana

Tempo di lettura: 2 minuti
domanda amianto

Chiarimenti ed esempi pratici del cumulo contributivo dalla Fondazione studi CDL ma l'ADEPP chiede una piattaforma comune e mancano le convenzioni con l'INPS

La Fondazione studi dei consulenti del lavoro, con circolare n. 9 del 18 ottobre 2017, ha fornito  un'ampia panoramica  in tema di cumulo gratuito dei periodi di contribuzione non coincidenti,  in gestioni diverse, comprese le casse di enti previdenziali privati .  Per il cumulo dei contributi versati si devono raggungere i  20 anni  totali e l'età prevista dalla Legge Fornero come chiarito dalla recente circolare INPS n. 140 2017, e l'istituto sarà valido per 4 diversi trattamenti e cioè :

pensione di vecchiaia, pensione anticipata, pensione di inabilità al lavoro e pensione di reversibilità .

Viene sottolineato ad esempio che per la pensione di vecchiaia se la cassa professionale ha previsto un requisito anagrafico piu alto  di quello INPS (66 anni e 7 mesi per tutti a partire dal 2018) , la parte di pensione relativa a quel periodo contributivo verrà erogata solo successivamente, al momento della maturazione del diritto.

Per la pensione anticipata è indispensabile la cessazione dal lavoro sia dipendente che autonomo .

In caso di eventi che diano diritto alla pensione di inabilità al lavoro, l'assegno sarà sempre unificato e   i requisiti da far valere saranno quelli relativi alla cassa a cui si è iscritti al momento dell'evento .

Intanto, le domande di pensione con cumulo contributivo hanno già iniziato ad essere presentate .L'Inps ha precisato le istanze che vanno presentate all'ultimo ente o cassa cui si è o si e stati iscritti.

Ma è intervenuto  sul tema anche il presidente dell'ADEPP  , l'associazione  delle casse previdenziali private, Oliveti,  il quale  lamenta  che "manca tutta la parte operativa. " In effetti le pratiche devono essere istruite dall'ente in cui il contribuente risulta iscritto , che deve acquisire i dati dalle altre casse coinvolti. La procedura è ancora lontana dalla piena operativià. Secondo Oliveti è necessaria l'implementazione di una  piattaforma informatica comune    per la gestione dei dati e i calcoli , come  già fatto per la totalizzazione (onerosa) dei contributi . D'altronde tale strumento non è pianificabile senza prima la firma delle convenzioni  tra ogni Cassa previdenziale e  l'Inps .

Nelle convenzioni dovrà  essere chiarito l'aspetto del trasferimento di denaro all'Istituto di previdenza , che paghera materialmente le pensioni in cumulo:" Si dovrà stabilire con quanto anticipo e con che frequenza le Casse dovranno fare i bonifici all’istituto pubblico» sottolinea Olivetti .

Infine le convenzioni dovranno ottenere il placet  dei ministeri vigilanti.

Per tutte le novità segui il nostro DOSSIER gratuito: Come cambiano le pensioni, le misure dal 2017

Ti puo interessare  l'e-book Speciale pensioni novita 2016-2017 con aggiornamento annuale gratuito ! E' disponibile anche il completo manuale Previdenza 2017 (libro di carta - 262 pagine - Maggioli Editore )

Fonte: Il Sole 24 Ore





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)