Rassegna stampa Pubblicato il 15/01/2020

Contratto tessile abbigliamento 2020: le richieste per il rinnovo

Tempo di lettura: 3 minuti
168x126 tessile

Testo CCNL e tabella retributiva in vigore - La piattaforma di richieste per il rinnovo del contratto tessile abbigliamento industria 2020-2023

Il contratto del settore  tessile abbigliamento e moda industria,  applicato in  circa  46.000 aziende per circa 420.000 addetti  è scaduto lo scorso  31 dicembre 2019.

In attesa della ripresa delle trattative per il rinnovo 2020-2023, le organizzazioni sindacali hanno messo a punto una piattaforma unitaria   con le richieste dei lavoratori da sottoporre alle organizzazioni datoriali che fanno capo a Confindustria. Vediamo quali sono le proposte sul tavolo:

Retribuzioni

La richiesta economica è di 115 euro medi ( per il 3° livello super) sui minimi tabellari, inoltre è stata richiesta la trasformazione dell'elemento di garanzia retributiva in elemento perequativo con l'innalzamento economico - dagli attuali euro 300 ai 450 euro annui - in tutte quelle imprese che non esercitano la contrattazione di 2° livello.

Welfare

Sul fronte del "welfare" contrattuale è stato richiesto di incrementare il contributo aziendale per la previdenza complementare Previmoda e di  promuovere l'iscrizione allo stesso fondo attraverso informazioni periodiche  ai  non iscritti. Inoltre, è stato richiesto di definire misure di contrasto all'evasione del contributo economico dovuto per il fondo di assistenza sanitaria Sanimoda.

Diritti

Al fine di arginare i fenomeni di dumping contrattuale, devastanti per il sistema della moda e per il made in Italy,   i sindacati chiedono  che le aziende si impegnino a non commissionare lavoro ad aziende terze che applicano contratti diversi da quelli firmati dalle OO. SS. maggiormente rappresentative sul piano nazionale e a stabilire metodi e modalità di controllo congiunto per monitorare l'effettività della  prescrizione. 

Per quanto riguarda il tema dei diritti individuali  si prevede l'adozione di un avviso comune per la promozione del rispetto delle culture, delle persone. In particolare, che le vittime di violenza di genere possano usufruire di una indennità pari a due mensilità aggiuntive, oltre alle tre mensilità a carico dell'INPS previste dalla normativa   e, a richiesta, essere trasferite ad altre sedi di lavoro per garantirne la tutela  e che  possano essere assistite nei processi di reinserimento lavorativo e che, in caso di accertato comportamento lesivo della dignità della persona, possano essere previste misure di contrasto adeguate .

Per quanto riguarda il delicato tema della malattia, è stato richiesto nel documento l'esclusione del ricovero ospedaliero e delle terapie salva vita dai periodi di raggiungimento del comporto.

Per la formazione  si chiede di  istituire la figura di delegato alla formazione, a livello aziendale o distrettuale per le aziende piu piccole .

 Sull'inquadramento nel documento è presente la richiesta di passaggio automatico al livello superiore nel caso di svolgimento di due o più mansioni all'interno dello stesso livello di inquadramento

Lultimo accordo firmato il 21 febbraio 2017 è   in vigore dal  1° aprile 2016 al 31.12.2019 ( e fino alla data del rinnovo ) e prevede la seguente  tabella retributiva e:

Livello

Paga Base

Contingenza

EDR

Somma

1

€ 1208,08

€ 0

€ 0

€ 1208,08

2

€ 1519,38

€ 0

€ 0

€ 1519,38

2 S

€ 1553,24

€ 0

€ 0

€ 1553,24

3

€ 1599,31

€ 0

€ 0

€ 1599,31

3 S

€ 1635,79

€ 0

€ 0

€ 1635,79

4

€ 1674,51

€ 0

€ 0

€ 1674,51

5

€ 1760,3

€ 0

€ 0

€ 1760,3

6

€ 1879,2

€ 0

€ 0

€ 1879,2

7

€ 2001,17

€ 0

€ 0

€ 2001,17

8

€ 2121,88

€ 0

€ 0

€ 2121,88

L'intesa  del 2017 aveva previsto un aumento complessivo pari a 90 euro ( tra minimi e welfare contrattuale) nei 45 mesi di vigenza, con aumento sui minimi salariali  di 70 euro (4° livello), suddiviso in tre tranche: dal 1° aprile 2017, 25 euro; dal 1° luglio 2018, 25 euro; dal 1° luglio 2019, 20 euro.

Era stato anche definita una modalità di rivalutazione dei minimi retributivi contrattuali in base all'andamento effettivo dell'inflazione, misurata secondo l'indice Ipca, comunicato dall'Istat nel mese di maggio di ogni anno. La base retributiva di riferimento per il periodo di vigenza del contratto è stata definita in euro 1.715,00 lordi (al quarto livello).

 

 

Fonte: Fisco e Tasse





Prodotti consigliati per te

32,00 € + IVA
27,20 € + IVA
 
39,00 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)