lavoratori extraUe documentazione richiesta

Rassegna stampa Pubblicato il 09/03/2017

Jobs act lavoratori autonomi 2017: oggi il voto alla Camera

Alla Camera oggi l'approvazione del Jobs act lavoratori autonomi contenente tutele specifiche per le partite IVA e smart working

Il cd. Job act per i lavoratori autonomi approda oggi alla Camera per passare poi al Senato, dopo piu' di un anno di gestazione. Il primo decreto è stato infatti presentato dal governo l'8 febbraio 2016 il n. 2233.

Il Disegno di Legge aveva ricevuto il via libera dal Senato a novembre, ma la crisi del governo Renzi aveva stoppato l'iter normativo.

Il Jobs act lavoratori autonomi prevede un insieme di tutele specifiche per le partite Iva e i collaboratori, e disciplina in maniera organica il lavoro agile o smart working, già presente nel nostro sistema ma senza una disciplina comune a tutti.

Il Ddl è composto da 22 articoli e contiene norme a tutela dei lavoratori con partita IVA. In generale dovrebbe consentire ai professionisti di

  • dedurre integralmente, entro un tetto annuo massimo di 10mila euro le spese per iscrizione a master, corsi di formazione e convegni;
  • dedurre fino a 5000 euro all'anno le spese per i servizi personalizzati di certificazione delle competenze, orientamento, sostegno all’autoimprenditorialità.
  • dedurre integralmente l'assicurazione contro il mancato pagamento delle prestazioni di lavoro.
  • godere dell'esenzione da irpef per le spese per l’esecuzione di un incarico conferito e sostenute direttamente dal committente
  • usufruire dei congedi parentali fino a 6 mesi (per gli iscritti alla gestione separata Inps) entro i primi tre anni di vita del bambino.
  • tutele del rapporto di lavoro in caso di malattia, infortuni e gravidanza
  • è prevista l'assimilazione dei professionisti alle Pmi per l'accesso ai fondi europei
  • i lavoratori autonomi potranno accedere agli appalti pubblici
  • tutele per l'incasso dei compensi che dovrà avvenire nel termine di 60 giorni dalla richiesta di pagamento
  • viene definito per la prima volta lo smart working o lavoro agile una particolare modalità di svolgimento del lavoro subordinato
  • la Dis-coll indennità di disoccupazione per i collaboratori diventa strutturale e viene estesa ad assegnisti e dottorandi di ricerca con borse di studio

Segui il Dossier dedicato al Job act 2017: tutte le novità per i dipendenti e per gli autonomi

Potrebbe interessarti l'e-book Partite Iva e nuovo regime forfetario che analizza come cambiano le disposizioni dopo la Legge di Stabilità 2017 ,per valutare la convenienza del nuovo regime forfetario.

Fonte: Il Sole 24 Ore


Commenti

Per la deduzione integrale dei corsi, vale anche se questi corsi sono stati fatti all'estero da società estere? Anche fuori zona UE?

Commento di Giuseppe (11:59 del 10/03/2017)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)