IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 11/11/2015

Reverse charge anche per pc portali e tablet pc: ok del Consiglio dei Ministri

Tempo di lettura: 1 minuto

Il Governo ha approvato lo schema di decreto legislativo che amplia il meccanismo del reverse charge a nuovi prodotti fino al 31 dicembre 2018

Commenta Stampa

Venerdì scorso il Consiglio dei Ministri ha esaminato in via preliminare lo schema di decreto legislativo che, attuando le direttive 2013/42/Ue e 2013/43/Ue, prevede il reverse charge anche per chi compra console da gioco, tablet pc (letteralmente, dovrebbe trattarsi dei tablet dotati di sistemi operativi che li fanno funzionare come computer) e laptop (pc portatili). Lo schema di decreto approvato dal Consiglio dei Ministri prevede l'integrazione delle fatture d’acquisto dal 60° giorno successivo a quello di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legislativo. A disporlo è la nuova versione della lettera c) del comma 6 dell’articolo 17, Dpr 633/1972, che estende alla vendita di tali beni l’inversione contabile, già prevista per le cessioni di dispositivi a circuito integrato (microprocessori e unità centrali di elaborazione) effettuate prima dell’installazione in prodotti destinati al consumatore finale, siano essi computer o altri beni (risoluzione 13/E/2012). E' confermata, inoltre, l’integrazione della fattura per gli acquisti di cellulari, mentre scompare dal testo della lettera b) della norma il riferimento a componenti e accessori per cellulari, per i quali, comunque, aderendo alle indicazioni comunitarie, il reverse charge era già stato escluso in via generale dalle Entrate (risoluzione 36/E/2011). Un ulteriore intervento riguarda l’eliminazione dal comma 6 dell’articolo 17, delle lettere d) e d-quinquies), essendo stata negata l’autorizzazione anche per le cessioni di materiali e prodotti lapidei e per quelle di beni nei confronti della grande distribuzione organizzata. Le norme sull’estensione del reverse charge, comunque, sono disposizioni a carattere temporaneo, in linea con l’articolo 199-bis della direttiva n. 2006/112, il quale ne prevede l’applicazione fino al 31 dicembre 2018, data di scadenza anche per il reverse nel settore energetico (lettere d-bis, d-ter e d-quater dell’articolo 17, comma 6, Dpr 633/1972).

Fonte: Il Sole 24 Ore


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Calcolo IMU 2021: acconto e saldo (excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 18,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Credito imposta R&S: certificazione costi del revisore
In PROMOZIONE a 36,90 € + IVA invece di 42,90 € + IVA fino al 2021-06-30
Rivalutazione beni ammortizzabili DL 104/2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,00 € + IVA fino al 2022-01-06
Prestito Extra 2021 - Verifica della regolarità
In PROMOZIONE a 54,90 € + IVA invece di 64,90 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE