Rassegna stampa Pubblicato il 09/10/2015

Divieto di rimpatrio: la Corte UE ammette la pena detentiva

Tempo di lettura: 0 minuti

Per la CGCE la norma italiana sulla pena detentiva in caso di rientro irregolare dopo procedura di rimpatrio non contrasta con la normativa europea

La Corte di Giustizia Europea con sentenza  del 01 ottobre 2015, n. C-290/14 ha stabilito che la direttiva 2008/115/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, recante norme e procedure comuni applicabili negli Stati membri al rimpatrio di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare, non è in contrasto  in linea di principio, con  una normativa di uno Stato membro  in questo caso si trattava dell'Italia) che prevede l’irrogazione di una pena detentiva ad un cittadino di un paese terzo il cui soggiorno è irregolare il quale, dopo essere ritornato nel proprio paese d’origine nel quadro di un’anteriore procedura di rimpatrio, rientri irregolarmente nel territorio del suddetto Stato trasgredendo un divieto di ingresso.

Ti puo interessare il libro di carta "Il decreto sicurezza" di C. Bedessi e F. Piccioni -  200 pagine Maggioli editore

Fonte: Fisco e Tasse




Prodotti consigliati per te

32,00 € + IVA
27,20 € + IVA
18,00 € + IVA
15,30 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)