IN PRIMO PIANO:

Rassegna Stampa Pubblicato il 14/08/2015

L'attestato di residenza fiscale contro le doppie imposizioni

Tempo di lettura: 1 minuto
rivista

Per usufruire dei benefici previsti dalla convenzioni è necessario ottenere un certificato che attesti la residenza fiscale del contribuente

Commenta Stampa

I fenomeni di doppia imposizione internazionale si creano quando ci sono redditi conseguiti da un soggetto residente in uno Stato (Stato della residenza), ma che si considerano prodotti in un altro Stato (Stato della fonte). In queste circostanze, lo stesso reddito sarebbe tassato in entrambi gli Stati. Per evitare la doppia imposizione sono stati istituiti delle convenzioni tra numerosi Paesi comunitari e non, le quali stabiliscono come dev’essere ripartito il potere impositivo tra i due Stati contraenti.
Per usufruire di tali benefici, è necessario che il contribuente risulti residente fiscalmente in uno o in entrambi gli Stati Contraenti, per ciò, a tal fine, è necessario ottenere un certificato che attesti la residenza fiscale del contribuente.
Possono presentare la richiesta di attestazione di residenza fiscale, presso un qualsiasi Ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate, le persone fisiche residenti e i soggetti residenti diversi dalle persone fisiche quali: società di capitali, enti commerciali e non commerciali, gli organismi di investimento collettivo del risparmio e i fondi pensione.
Il modulo per richiedere l’attestato di residenza fiscale scaricabile a questo link  deve essere integralmente compilato.
In particolare si precisa che:
• Qualità di: va indicato se si tratta di titolare, rappresentante o altra qualifica;
• Nazione: va indicato il nome dello Stato estero nel quale è stato prodotto il reddito e a cui va consegnata l’attestazione;
• Reddito: va indicato il tipo o i tipi di reddito prodotto, oggetto delle Convenzioni ad esempio: immobili, utili delle imprese, dividendi, lavoro autonomo, lavoro dipendente, pensioni ecc.
Per il rilascio è necessario effettuare un pagamento per tributi speciali tramite F23 oppure applicare una marca da bollo. Ogni copia richiesta ha un costo di 3,10 euro.

Fonte: Fisco e Tasse


Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

La Circolare Del Giorno

Scadenzario Agosto 2020
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Le novità degli ISA 2020
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Dal 1° luglio obbligo di contradditorio preventivo
Scaricalo a 4,71 € + IVA
Scopri le Circolari del Giorno!

Tools Fiscali

Modelli di bilancio per gli Enti del Terzo Settore
In PROMOZIONE a 9,90 € + IVA invece di 12,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Elementi contabili ISA 2020 (Excel)
In PROMOZIONE a 16,90 € + IVA invece di 19,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Calcolo IRES e IRAP 2020 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 89,90 € + IVA invece di 99,90 € + IVA fino al 2020-09-15
Analisi di Bilancio - Pacchetto completo (pdf + excel)
In PROMOZIONE a 82,70 € + IVA invece di 116,89 € + IVA fino al 2022-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE