Rassegna stampa Pubblicato il 23/04/2015

E-fattura tra privati mediante il sistema per la Pa

La trasmissione e la ricezione telematica delle fatture elettroniche tra privati potrà avvenire anche attraverso il Sistema di Interscambio Dati utilizzato per la fattura elettronica verso la Pa

Lo schema di decreto legislativo che prevede la possibilità di fatturazione elettronica anche tra privati, approvato nel Consiglio dei ministri del 21 aprile in attuazione della delega fiscale, stabilisce che la trasmissione e la ricezione telematica delle fatture tra privati potrà avvenire anche attraverso il Sistema di Interscambio, utilizzando il medesimo formato xml già utilizzato per la fattura elettronica verso la Pa. L’opzione per la fatturazione elettronica tra privati vincola il contribuente dall’inizio dell’anno solare in cui è esercitata e fino alla fine del quarto anno solare successivo e, se non revocata, si estende di quinquennio in quinquennio.

Fonte: Il Sole 24 Ore





Commenti

Come da testo dei tre decreti attuativi, inoltre, a fronte di utilizzo di fatturazione elettronica, il contribuente sarà esonerato dai seguenti obblighi: spesometro (ovvero l'elenco di tutte le operazioni rilevanti ai fini IVA); operazioni realizzate con Paesi Black list; elenco degli acquisti intracomunitari di beni (intrastat acquisti); e infine elenco riepilogativo dei servizi intracomunitari ricevuti (Intrastat servizi ricevuti).

Commento di Archiva Group - servizi di gestione documentale (18:15 del 25/04/2015)

Un quinquennio e, se non revocata, si estende di quinquennio in quinquennio? Ditecelo, che ci volete in catene a vita. Ce la presentano come se fosse una magnifica opportunità, ma sono solo ulteriori catene e costi. la fatturazione elettronica, coi suoi obblighi di conservazione sostitutiva, viene fatta pagare MOLTO CARA. La gran parte delle piccole realtà non è nemmeno pronta a ricevere fatture in normale pdf, figuriamoci in questi nuovi diabolici formati. Una ditta, per poter avere il beneficio, dovrebbe poter inviare TUTTE le sue fatture in formato elettronico, giusto? E se i suoi clienti non ne vogliono sapere? Emaneranno una legge che ci COSTRINGERA' ad accettare la fattura elettronica se il nostro fornitore vuole farla? Nelle condizioni di analfabetismo informatico (e connessioni internet più che ballerine) è un pio desiderio. Tante parole, tanti nuovi costi, tanto tempo sprecato e pochi vantaggi, tranne che per l'amministrazione, che avrà più sotto contro alcune delle fatture.

Commento di dawnraptor (18:18 del 27/04/2015)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)