Rassegna stampa Pubblicato il 17/10/2014

TFR in busta paga con Irpef ordinaria

Tempo di lettura: 0 minuti

Il lavoratore che chiede l'anticipo di TFR in busta paga perde la tassazione sostitutiva e la quota di TFR ricevuta è soggetta a tassazione ordinaria

L'operazione Tfr in busta paga prevista dal testo della Legge di Stabilità 2015 varato dal Consiglio dei Ministri il 15 ottobre scorso ha suscitato alcune reazioni in merito al profilo fiscale. Infatti, sulla retribuzione integrativa di chi opta per avere la liquidazione del TFR nella busta paga mensile scatterà la tassazione Irpef ordinaria, e non la tassazione sostitutiva come avviene in genere per il TFR. Ciò, se confermato nel testo ufficiale che verrà trasmesso al Parlamento, farebbe crollare l'appeal della misura per i lavoratori con un reddito superiore ai 15mila euro. Per tali lavoratori, infatti, l'Irpef sul reddito che supera i 15mila euro parte dal 27%, mentre l'aliquota media attualmente applicata al Tfr è compresa tra il 23 e il 26%. Pertanto, più elevato è il reddito da lavoro meno è conveniente (fiscalmente) l'opzione del Tfr in busta paga. In senso opposto, invece, l'imposta sostitutiva sui redditi derivanti dalle rivalutazioni dei fondi per il trattamento di fine rapporto (ovvero sul maturato) passerà dall'11 al 17%.

Ti potrebbe interessare la Guida al TFR in busta paga    Aspetti generali e profili di convenienza semplificati mediante tabelle, schede di sintesi ed esempi.

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti consigliati per te

 
4,90 € + IVA
 
4,90 € + IVA

Commenti

Quì le regole del gioco cambiano continuamente.

L'unica costante è che ci spolpano di tutto.

Quanti politici manteniamo ? Quanti statali assunti solo a scopo clientelare manteniamo ?

Comuni, Province, Regioni, Camera, Senato: non vogliono rinunciare a nulla!!!

Proverò a farvi morire di fame !!!, lascerò il mio TFR dove sta (in azienda), non comprerò più nulla oltre lo stretto necessario per la mia sopravvivenza ( e quindi vi pagherò pochissima IVA su ciò che consumo e altri non pagheranno tasse su ciò che mi vendono).

Sciopero dei consumi!!!

E se tutti facessero così, forse comincereste a calare un pò.

Se noi cittadini italiani fossimo meno "pecore" si potrebbe smettere tutti di lavorare, sciopero totale e generale, finchè non ve ne sarete andati tutti.

Commento di Miky (15:24 del 17/10/2014)

CONDIVIDO PERFETTAMENTE IL PENSIERO DI MIKI , AGGIUNGENDO CHE SAREBBE ORA DI FARE UN PASSA PAROLA PER ARRIVARE ALLO SCIOPERO FISCALE : SOLO COSI' I MARIOLI DALLE TASCHE SEMPRE PIU' PIENE ANDRANNO A CASA UNA VOLTA PER SEMPRE .

Commento di orieto (16:47 del 18/10/2014)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)