Rassegna stampa Pubblicato il 17/11/2008

I movimenti infragruppo non salvano dal crack

La Cassazione respinge la teoria dei vantaggi compensativi

La Cassazione penale, con la sentenza n. 39546/08, ha precisato che il passaggio di risorse da una società in difficoltà a un’altra che versa in cattive acque non sfugge alla condanna per bancarotta, neppure quando le due società appartengono allo stesso gruppo. Secondo la suprema Corte anche dopo la riforma del diritto societario il passaggio di risorse infragruppo, soprattutto se effettuato a vantaggio di una impresa in crisi, non è mai consentito: si tratterebbe di bancarotta patrimoniale perché le società sono persone giuridiche diverse.

Sulla crisi d'impresa altri utenti hanno trovato utile:

Fonte: Il Sole 24 Ore




Prodotti per Attualità in Pillole, Codice della Crisi d'Impresa e dell'insolvenza

 
4,90 € + IVA
98,36 € + IVA
79,90 € + IVA

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)