Normativa del 13/01/2006

Iva infedelta' dati in dichiarazione

Corte di Cassazione - Sezione V - Sentenza del 13/01/2006 n. 643

Forma Giuridica: Giurisprudenza - Corte Costituzionale
Numero 643 del 13/01/2006
Fonte: Corte di Cassazione

Intitolazione:

IVA - Accertamento - Infedelta' dati indicati in dichiarazione - Valore indiziario - Limiti.

Massima:

In materia di accertamento Iva, l'infedeltà dei dati indicati nella dichiarazione, che può anche essere indirettamente desunta, sulla base di presunzioni semplici, purchè gravi, precise e concordanti (art. 54, comma 2, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633), non può essere inferita dalla sola circostanza costituita dal fatto che la percentuale di ricarico applicata sul costo della merce venduta è notevolmente inferiore a quella media, riscontrabile nel settore specifico di attività in aziende similari, in quanto le "medie di settore" non integrano un "fatto noto", storicamente provato, dal quale argomentare, con giudizio critico, quello "ignoto", costituente l'oggetto del thema probandum, ma il risultato di una extrapolazione statistica di una pluralità di dati che fissa una regola di esperienza, in base alla quale poter ritenere statisticamente meno frequenti i casi che si allontanano dai valori medi, rispetto a quelli che si avvicinano.

*Massima redatta dal Servizio di documentazione economica e tributaria.

Ti potrebbe interessare Modello IVA 2019 (excel) file excel di supporto per la precompilazione automatica della dichiarazione “Modello IVA 2019” (relativa all’anno 2018), conforme al modello ministeriale, e tante altre utilità nella sezione Speciale Dichiarazioni fiscali 2019 del Business Center.






Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)