Split payment e le istruzioni del Mef

Normativa del 08/05/2018

Split payment: chiarimenti dell'Agenzia sull'ambito applicativo

Chiarimenti sulle novità in vigore dal 1° gennaio 2018 in merito al meccanismo della scissione dei pagamenti, in particolare sull'ambito di applicativo; Circolare del 07.05.2018 n. 9

Forma Giuridica: Prassi - Circolare
Numero 9 del 07/05/2018
Fonte: Agenzia delle Entrate

Con la Circolare dell'Agenzia delle Entrate del 7 maggio 2018 n. 9/E, vengono forniti chiarimenti sulle novità in vigore dal 2018, in merito alla scissione dei pagamenti, in particolare la circolare si sofferma soprattutto su alcune ipotesi particolari, chiarendo in quali casi si applica lo split payment e in quali no.

La Circolare in questione fa il punto sulla platea di nuovi soggetti verso cui è obbligatorio emettere fattura con la scissione dei pagamenti a partire dal 1° gennaio di quest’anno, ricordando che per l’esatta individuazione dei nuovi soggetti interessati bisogna fare riferimento agli elenchi pubblicati online dal ministero dell’Economia e delle finanze, relativamente alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi fatturate dal 1° gennaio 2018, e la cui imposta sia divenuta esigibile dalla stessa data.

A seguito delle modifiche apportate dalla legge n. 172/2017, infatti, rientrano nell’applicazione della scissione dei pagamenti anche:

  • gli enti pubblici economici nazionali, regionali e locali, comprese le aziende speciali e le aziende pubbliche di servizi alla persona
  • le fondazioni partecipate da amministrazioni pubbliche per una percentuale complessiva del fondo di dotazione non inferiore al 70 per cento o che comunque siano controllate da soggetti pubblici (è il caso, ad esempio, delle fondazioni attraverso cui gli Ordini professionali realizzano interessi collegati alle professioni che rappresentano)
  • le società controllate direttamente o indirettamente dagli enti sopra elencati e dalle società soggette allo split payment
  • le società partecipate per una quota non inferiore al 70 per cento da amministrazioni pubbliche e da enti e società soggette allo split payment Questi enti, fondazioni e società si aggiungono ai soggetti precedentemente coinvolti dalla disciplina della scissione dei pagamenti, come le Pubbliche amministrazioni e le società quotate e inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa italiana.

Indice della Circolare che qui alleghiamo:

Premessa
1. Il nuovo ambito soggettivo di applicazione. Nuove categorie di soggetti interessati
1.1 Le aziende speciali, le aziende pubbliche di servizi alla persona, gli enti pubblici economici
1.2 Le fondazioni
1.3 Le società
1.4 Elenchi pubblicati dal Dipartimento delle Finanze
2. Individuazione delle Pubbliche Amministrazioni
3. Tabella riepilogativa
4. Fattispecie particolari
4.1 Società Fiduciarie
4.2 Oneri CTU a carico di soggetti split payment
5. Efficacia temporale delle nuove disposizioni
6. Sanzioni

Segui gli aggiornamenti gratuiti nel dossier dedicato allo Split Payment IVA 2017 2018.






Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)