IN PRIMO PIANO:

Normativa Pubblicato il 19/10/2006

Indagini finanziarie: poteri degli uffici

Tempo di lettura: 1 minuto

Circolare esplicativa sulle indagini finanziarie a seguito della Finanziaria 2005; Circolare del 19.10.2006 n. 32

Forma Giuridica: Prassi - Circolare
Numero 32 del 19/10/2006
Fonte: Agenzia delle Entrate
Commenta Stampa

Tra le novità introdotte dalla legge 30 dicembre 2004, n. 311, Finanziaria 2005, nell’ottica del rafforzamento dei poteri di controllo, particolarmente significative, per gli effetti diretti nei confronti degli Uffici e della Guardia di finanza, ma immediati anche nei confronti dell’aumentato numero degli intermediari, risultano le regole concernenti l’attività istruttoria che nel lessico comune, sotto la previgente disciplina, si è consolidata come quella delle “indagini bancarie” e, talvolta, ancor più impropriamente, degli “accertamenti” bancari.

Definizione che ora, per un doveroso adeguamento al nuovo dato normativo, deve invece registrare, quantomeno, anche l’aggettivazione di “finanziarie”, in aderenza alla dimensione e alla destinazione assunte dal più incisivo e penetrante degli strumenti d’indagine, su richiesta e non, in quanto deputato ad operare ben oltre il ristretto piano dei conti correnti bancari e postali, per intercettare, invece, anche il più vasto e articolato ambito generale del mercato finanziario.

In sostanza, al predetto settore d’indagini i commi 402 e 403 dell’art. 1 della legge, nell’ambito dei rispettivi comparti impositivi delle imposte sui redditi e dell’imposta sul valore aggiunto, hanno apportato un forte e importante potenziamento attraverso interventi di varia natura che attengono, da un lato, al problema della chiarezza e della leggibilità dei testi legislativi e, dall’altro lato, rimuovendo anche le non poche “scorie” di segretezza opponibili all’Amministrazione, hanno reso possibile l’accesso a una molteplicità di nuovi rapporti: di natura soggettiva, nei confronti di qualsiasi operatore creditizio o finanziario (comprese, con rinnovata attenzione, le società fiduciarie, comunque denominate), e oggettiva, rispetto a ogni tipologia di rapporto, operazione (intesa in senso omnicomprensivo) anche isolata o servizio, indipendentemente da qualsivoglia collegamento funzionale, anche solamente “connesso”, ad un “conto” la cui nozione, peraltro, si identifica pur’essa in un rapporto, sia pure di natura del tutto speciale, tra intermediario e cliente.

In ogni caso, il risultato complessivo è quello di un equo contemperamento tra l’interesse privato alla riservatezza, derivante dal predetto riserbo “bancario”, e quello pubblico al conseguimento del gettito erariale e alla repressione dell’evasione.

Ti potrebbe interessare il Focus sul Business Center su Accertamento e Contenzioso

Ti può essere utile l'e-book Strumenti deflattivi del Contenzioso tributario (eBook)



Lascia un commento

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
Entra

Seguici sui social

Iscriviti al PODCAST

Scarica le nostre APP!

fiscoetasse

Libreria FISCOeTASSE

Circolari ed e-book
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse
app-fiscoetasse

FISCOeTASSE News

Tutte le notizie gratis
app-ios-fiscoetasse app-android-fiscoetasse

Tools Fiscali

Detrazioni fiscali su immobili (Excel)
In PROMOZIONE a 79,90 € + IVA invece di 99,00 € + IVA fino al 2060-12-31
Calcolo IRES e IRAP 2021 - Redditi Società di Capitali
In PROMOZIONE a 99,90 € + IVA invece di 129,90 € + IVA fino al 2021-05-31
Pacchetto Dichiarativi 2021
In PROMOZIONE a 219,90 € + IVA invece di 389,30 € + IVA fino al 2060-12-31

Le nostre skill - ALEXA

FISCOeTASSE NOTIZIE

Skill FISCOeTASSE Notizie

FISCOeTASSE

Skill FISCOeTASSE