HOME

/

FISCO

/

IMU 2024

/

IMMOBILI OCCUPATI ABUSIVAMENTE: LA CONSULTA APRE LA POSSIBILITÀ DI CHIEDERE RIMBORSO IMU

Immobili occupati abusivamente: la Consulta apre la possibilità di chiedere rimborso IMU

La Corte Costituzionale con la sentenza 60 del 18 aprile apre la possibilità di chiedere il rimborso per l'Imu pagata prima del 2023

Dopo che la Legge di Bilancio 2022 ha stabilito che non è dovuta l'IMU su proprietà che sono state occupate abusivamente, ora  i proprietari hanno anche la possibilità di richiedere il rimborso dell'IMU pagata in precedenza. Questo diritto è stato confermato da una sentenza della Corte Costituzionale, applicabile anche agli anni precedenti al 2023.

1) Esenzione dall'IMU dal 2023

La legge di Bilancio del 2022 (art. 1, comma 81, legge 197/2022) ha previsto che, a partire dal 1° gennaio 2023, sono esenti dall'IMU gli immobili che non sono né utilizzabili né disponibili per i proprietari, a condizione che sia stata formalizzata una denuncia presso le autorità giudiziarie per i reati specificati negli articoli 614, secondo comma, o 633 del codice penale, per

  • violazione di domicilio (articolo 614, secondo comma, codice penale);
  • invasione di terreni o edifici (articolo 633, codice penale);
  • occupazione abusiva  per la quale sia stata presentata denuncia o iniziata l' azione giudiziaria penale.

Per ottenere questa esenzione, i proprietari devono inviare una notifica telematica al comune, seguendo le procedure che saranno definite da un futuro decreto del Ministro dell'Economia. Una notifica simile deve essere inviata anche quando le condizioni per l'esenzione cessano di esistere. Anche se il decreto attuativo non è stato ancora pubblicato, il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha chiarito che l'esenzione è valida anche senza il decreto, che riguarda solo la procedura di dichiarazione. 

I contribuenti che hanno ottenuto l'esenzione per il 2023 devono quindi presentare la dichiarazione IMU esclusivamente online entro il 30 giugno 2024. 

Inoltre chi ha trovato la sua proprietà occupata abusivamente può richiedere il rimborso dell'IMU pagata in passato in base alla sentenza della Corte Costituzionale del 18 aprile 2024.

2) La sentenza della Corte Costituzionale

La Corte Costituzionale con  la sentenza n. 60 del 18 aprile 2024, ha dichiarato incostituzionale l'articolo 9, comma 1, del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, per non aver escluso dall'IMU gli immobili occupati abusivamente per i quali è stata presentata una denuncia tempestiva. 

La questione è stata sollevata dalla sezione tributaria della Corte di Cassazione a causa di una violazione dei principi di equità fiscale, capacità contributiva, ragionevolezza e protezione della proprietà privata.

 La Corte ha riconosciuto che, in queste situazioni, non si può considerare il proprietario in grado di sfruttare economicamente l'immobile e quindi non deve essere soggetto a tassazione su una proprietà effettivamente non fruibile.

3) Effetto retroattivo della sentenza e possibilità di chiedere il rimborso

La sentenza ha esteso retroattivamente l'applicabilità delle norme introdotte dal 2023. 

Pertanto, chi ha pagato l'Imu sugli immobili occupati abusivamente, può presentare una richiesta di rimborso per l'IMU pagata ingiustamente. 

La richiesta deve rispettare i termini di prescrizione dei tributi locali, che sono di cinque anni dal pagamento, come specificato dall'articolo 1, comma 164, della legge n. 296/2006. Questo significa che quest'anno i proprietari possono richiedere il rimborso per gli IMU pagati dal 2019 in poi.

La tua opinione ci interessa

Accedi per poter inserire un commento

Sei già utente di FISCOeTASSE.com?
ENTRA

Registrarsi, conviene.

Tanti vantaggi subito accessibili.
1

Download gratuito dei tuoi articoli preferiti in formato pdf

2

Possibilità di scaricare tutti i prodotti gratuiti, modulistica compresa

3

Possibilità di sospendere la pubblicità dagli articoli del portale

4

Iscrizione al network dei professionisti di Fisco e Tasse

5

Ricevi le newsletter con le nostre Rassegne fiscali

I nostri PODCAST

Le novità della settimana in formato audio. Un approfondimento indispensabile per commercialisti e professionisti del fisco

Leggi anche

IMU 2024 · 16/05/2024 IMU/IMPI 2024: nuovo modello di dichiarazione

Il decreto MEF del 24 aprile contiene istruzioni per IMU/IMPI e IMU ENC 2024: pubblicati i nuovi modelli. Cosa c'è di nuovo

IMU/IMPI 2024: nuovo modello di dichiarazione

Il decreto MEF del 24 aprile contiene istruzioni per IMU/IMPI e IMU ENC 2024: pubblicati i nuovi modelli. Cosa c'è di nuovo

Esenzione IMU 2024 terreni agricoli montani: elenco dei comuni

I terreni situati nei comuni montani sono esenti dal pagamento dell'IMU: elenco dei comuni aggiornato al 2024

Dichiarazione IMU ENC: nuovo modello 2024

Modalità e termini di invio per il modello IMU per gli immobili posseduti dagli ENC enti non commerciali: pubblicato in GU il Decreto MEF del 24 aprile

L'abbonamento adatto
alla tua professione

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

L'abbonamento adatto alla tua professione

Fisco e Tasse ti offre una vasta scelta di abbonamenti, pensati per figure professionali diverse, subito accessibili e facili da consultare per ottimizzare i tempi di ricerca ed essere sempre aggiornati.

Maggioli Editore

Copyright 2000-2024 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.

Pagamenti via: Pagamenti Follow us on:

Follow us on:

Pagamenti via: Pagamenti

Maggioli Editore

Copyright 2000-2021 FiscoeTasse è un marchio Maggioli SPA - Galleria del Pincio 1, Bologna - P.Iva 02066400405 - Iscritta al R.E.A. di Rimini al n. 219107- Periodico Telematico Tribunale di Rimini numero R.G. 2179/2020 Registro stampa n. 12 - Direttore responsabile: Luigia Lumia.