Domanda e Risposta Pubblicato il 28/06/2018

Cosa succede se non è stata presentata la Dichiarazione Iva 2018?

invio telematico dichiarazione iva 2018 scadenza

Dichiarazione Iva 2018 non presentata: possibile fare il ravvedimento?

È possibile ravvedere l’omissione attraverso la presentazione tardiva della Dichiarazione Iva 2018 purché venga fatta entro 90 giorni a decorrere dal 30 aprile 2018 (scadenza effettiva per la presentazione della dichiarazione in esame).

La presentazione entro 90 giorni, quindi entro il 30 luglio (poiché il 29 luglio cade di domenica) viene definita tardiva. In questo caso è possibile, attraverso l’istituto del ravvedimento operoso, presentare la dichiarazione e pagare le sanzioni in maniera ridotta secondo quanto previsto dall’ articolo 13 del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472. Per la dichiarazione tardiva si applica la sanzione fissa di 250 euro, ridotta ad 1/10 poiché entro i 90 giorni dalla scadenza, quindi si paga un totale di 25€.

Qualora invece si invii la dichiarazione oltre il 30 luglio, la dichiarazione viene comunque considerata omessa e la relativa sanzione va da un minimo del 120% ad un massimo del 240% dell’imposta dovuta, con un minimo di 250 euro. Nel caso in cui non vi fossero imposte dovute la sanzione per il contribuente va da 250 a 1000 euro.

Ricapitolando

Presentazione entro il 30 luglio Tardiva 25€
Presentazione oltre il 30 luglio Omessa dal 120% al 240%
da 250 a 1000 euro

Ti potrebbe interessare Modello IVA 2019 (excel) file excel di supporto per la precompilazione automatica della dichiarazione “Modello IVA 2019” (relativa all’anno 2018), conforme al modello ministeriale, e tante altre utilità nella sezione Speciale Dichiarazioni fiscali 2019 del Business Center.





Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)