Domanda e Risposta Pubblicato il 24/10/2016

Busta paga: quali sono gli elementi principali?

Tempo di lettura: 3 minuti
busta paga conti

La retribuzione è composta di vari elementi che devono essere elencati distintamente in busta paga . Vediamo quali sono i principali

La retribuzione in busta paga è composta da molti elementi alcuni previsti dalla legge , altri dai contratti collettivi, altri  da accordi individuali tra datore di lavoro e lavoratore.   Vediamo i principali:

ELEMENTI FISSI

Paga base o Minimo tabellare/sindacale/contrattuale: è il principale elemento fisso della retribuzione, viene stabilito dai contratti collettivi che ne determinano l'importo in relazione alla qualifica  del lavoratore (operaio, impiegato,quadro o dirigente) ed al livello contrattuale corrispondente alla mansione svolta. Aumenta quando
avviene il rinnovo delle tabelle retributive del contratto collettivo nazionale di riferimento, oppure quando avviene il passaggio di qualifica.

Indennità di contingenza: importo di adeguamento  del Minimo all’inflazione, cioeè all'aumento del costo della vita. Il valore attualmente  è fermo  al 1991 , data in cui è stata stabilita la cessazione del sistema di indicizzazione dei salati . Da allora in molti contratti viene ormai conglobato nella paga base, senza essere visibile in forma distinta .

 EDR (Elemento Distinto della Retribuzione): È un importo pari a 10,33 euro lordi mensili per tredici mensilità  concordato tra le parti sociali  nel 1992 per sostituire gli scatti di contingenza ; spetta a tutti i lavoratori tranne i dirigenti. Alcuni Contratti collettivi assorbono anche  l’EDR nella voce Minimo contrattuale o nella voce Contigenza. 

Scatti di anzianità: Sono aumenti che vengono erogati sulla base dell’anzianità di servizio del dipendente presso una stessa azienda, e sono stabiliti dai CCNL. Gli importi sono legati alla qualifica e vengono incrementati di solito con cadenza biennale o triennale nel mese immediatamente successivo alla maturazione. Sono determinati in cifra fissa oppure in percentuale sulla paga base più la contingenza. Non maturano durante l’aspettativa non retribuita a meno che sia richiesta per ricoprire cariche pubbliche  e in caso di aspettativa del dirigente sindacale. Recentemente i CCNL tendono a ridurre il peso di questo elemento. Ad esempio il CCNL dirigenti industria e Dirigenti commercio  non prevedono piu gli scatti di anzianità.

Superminimo:  è un   importo aggiuntivo  che può essere stabilito sia all’atto dell’assunzione individuale come accordo tra lavoratore e datore di lavoro, sia dai Contratti  collettivi; si puo parlare quindi rispettivamente di superminimo individuale e collettivo.

Il superminimo individuale di solito viene dato per il ‘merito’ del lavoratore oppure per il tipo di prestazione lavorativa richiesta. E' definito anche Assegno "ad personam"  Può essere ‘assorbibile’ quindi ridotto o annullato  quando,  in virtù degli accordi sindacali  contrattuali, la paga base si incrementa   sulla base delle nuove   tabelle retributive. Questa caratteristica dovrebbe essere evidenziata nel contratto di assunzione 

Anche i contratti collettivi possono prevedere il superminimo collettivo per tutti i lavoratori, legato a determinati livelli di inquadramento, specifiche mansioni o specifiche zone territoriali.

I contratti collettivi di lavoro possono prevedere anche ulteriori elementi fissi della retribuzione come:

il Terzo elemento per il CCNL settore terziario Commercio

l'E.D.A.R.   nel CCNL per i dipendenti delle imprese di pulizia

l'indennità di funzione per i quadri.

ELEMENTI VARIABILI

Gli elementi variabili della retribuzione sono quelli legati a condizioni diverse  rispetto a quelle iniziali stabilite nel contratto, che si possono verificare in particolari momenti o periodi di tempo, come i compensi per  straordinari  o indennità di trasferta. Possiamo ricordare tra questi:

  • Compenso per lavoro straordinario (oltre l'orario normale che è in genere di 40 ore settimanali),  supplementare (oltre l'orario definito dal contratto di lavoro a tempo parziale ma entro l'orario "normale"),  notturno, festivo
  • Indennità di cassa o di rischio
  • Indennità di trasferta.

Si ricorda che le singole voci della retribuzione non possono essere conglobate ma vanno evidenziate distintamente nella busta paga .

Un utile guida su come compilare la busta paga, e lettura di tutti gli elementi da indicare sul cedolino è l'e-book Come compilare la busta paga di Prudente Dott.ssa Maria Cristina.
In tema di LAVORO DOMESTICO disponibile il pacchetto completo Colf e Badanti 2019 composto da un Foglio excel per il calcolo del prospetto paga + Guida in pdf sul rapporto di lavoro.

Per il settore edile è disponibile anche lo specifico " La busta paga in edilizia" di M.C. Prudente

 

In tema di lavoro dipendente ti potrebbero interessare i nostri ebook in pdf e fogli di calcolo.
Oppure  il volume Formulario completo del lavoro  di M. Marrucci (libro di carta - Maggioli editore 850 formule - 600 pagine)

Per approfondire abbiamo a disposizione ebook in pdf dedicati al lavoro che potrebbero interessarti, in particolare ti segnaliamo:

Inoltre scopri le nostre Guide dedicate alle pratiche  in materia di lavoro, come:

Segui anche il Dossier CCNL e Tabelle retributive  per altre notizie e approfondimenti in materia contrattuale.





Commenti

Salve ho un assegno ad perso am non assorbibile lo stesso è conteggiato nella parte inferiore della busta paga quindi non influisce sulla paga base secondo Lei è possibile chiedere che venga conglobato nella parte alta e richiedere gli arretrati sono un dipendente in ccnl dei porti grazie saluti

Commento di salvatore (20:06 del 24/03/2018)

Scrivi un commento

I campi contrassegnati * sono obbligatori
(il tuo indirizzo non sara' pubblicato)